13 C
Catania
mercoledì, Maggio 27, 2020
Home News Ottimismo e pessimismo: l'altalena emotiva dei paesi colpiti dal Covid-19

Ottimismo e pessimismo: l’altalena emotiva dei paesi colpiti dal Covid-19

Secondo alcune indagini è possibile calcolare i livelli di ottimismo e pessimismo dei vari stati sui tempi di ripresa post-epidemia.

A parlarci di questo è Livio Gigliuto, vice presidente dell’Istituto Piepoli, che proprio qualche giorno fa è stato ospite della diretta di Rai News 24 per raccontare il modo in cui il pianeta sta vivendo la fase di emergenza da pandemia Covid-19.

L’Istituto Piepoli fa parte di un network che si chiama The Researce Alliance e che comprende, a sua volta, un insieme di istituti di ricerca indipendenti di vari paesi del mondo. Gigliuto ha spiegato il tipo di ricerca condotta da tutti i vari istituiti del network, tra cui il Piepoli, per meglio chiarire l’indagine in oggetto.

Ma in cosa consiste esattamente?

Ciascuno di questi istituti ha avviato un sondaggio pubblico su un campione rappresentativo della popolazione del singolo paese, focalizzando però l’attenzione su sei paesi nello specifico, definiti “emblematici”.

I paesi presi in considerazione sono Italia, Regno Unito, Stati Uniti, Australia, Arabia Saudita ed Emirati Arabi.

Ma qual è la ratio di base che lega questi paesi?

Questo virus, secondo le osservazioni del vice presidente Gigliuto, è paragonabile a una livella emotiva e i sentimenti che legano i vari paesi sono simili tra di loro. Ovviamente, parliamo di reazioni tra la popolazione legate al sentimento della paura. Non c’è un paese dove la paura non sia il trend che va per la maggiore.

Dunque, per prima cosa sono stati misurati i livelli di paura che si hanno del contagio. Nel caso specifico dell’Italia, la gente ha timore di uscire e, se lo fa, indossa la mascherina. Ma in realtà, il livello di paura che c’è in Italia è più basso rispetto al livello che si registra in altri paesi.

L’Italia risulta essere il paese meno “spaventato”. Il livello di paura del contagio è risultato molto elevato negli Emirati Arabi, Stati Uniti e nel Regno Unito, i paesi che hanno inizialmente dimostrato una tendenza più all’apertura che alla chiusura.

L’Italia e l’Australia stanno già affrontando quella fase di convivenza con il virus. Nel caso specifico del nostro paese, questo sta avvenendo perché i dati ci confermano che il numero dei contagi sta diminuendo, nel caso dell’Australia, il livello della paura risulta molto più basso perché sin dall’inizio la gestione si è svolta diversamente e le attività hanno ricominciato quasi a pieni ritmi.

Esistono dei paesi che sono più ottimisti e dei paesi che sono invece più pessimisti rispetto ai tempi di ripresa? “Assolutamente sì” ci spiega Gigliuto.

Ma questa percezione emotiva come si trasferisce quando guardiamo alle conseguenze economiche?

Dietro questa pandemia, un’emergenza sanitaria straordinaria, si nascondono i timori di una vera e propria pandemia economica. Anche in questo caso, ci sono i paesi che sono più ottimisti e dei paesi che sono invece più pessimisti. Secondo gli italiani, ma anche secondo molti altri paesi, la sensazione è che l’economia subirà una flessione simile a quella conseguente la crisi del 2008. Opinione condivisa dall’80% degli italiani e che risulta essere un approccio pessimistico rispetto al futuro dell’economia.

Aggiungendo, inoltre, che fondamentalmente il livello di paura riguardante la seconda pandemia (che è quella economica) è più elevato nei paesi che hanno avuto un lockdown più forte, rispetto ai paesi che hanno attuato un lockdown meno forte.

È come se i governi avessero dovuto scegliere a cosa dare priorità: al lato sanitario e non a quello economico, oppure viceversa.

Filo conduttore dell’intera indagine è sicuramente l’altalenanza di ottimismo e pessimismo di tutti i paesi colpiti dal Covid-19, ma indubbiamente ciò che prevale è il principio della salute nelle città intesa come bene comune.

Il governo italiano, per esempio, ha avuto una grande crescita di popolarità proprio perché è stato uno dei governi con grande propensione alla chiusura e quindi alla sicurezza dei cittadini.

Ma quando sarà possibile ritornare completamente alla normalità?

Se consideriamo altri dati molto importanti, sappiamo che il 62% degli italiani vorrebbe un supporto psicologico per ritornare alla normalità. 7 italiani su 10 vedono il Covid-19 come causa di stress.

La preoccupazione che abbiamo provato durante l’intero periodo ha contribuito a cambiare i nostri stili di vita, ma quello che emerge oggi è che in periodi di emergenza a seguito di catastrofi o di guerre succede esattamente ciò che sta capitando al nostro paese e in altri: aumenta la fiducia nei confronti di chi decide.

Cresce la fiducia nei confronti del Presidente del Consiglio, cresce nei confronti delle forze dell’ordine, nei confronti della sanità pubblica, cresce nei confronti di tutto quello che è pubblico. Anche nel giornalismo, per esempio, si registra una maggiore fiducia rispetto a quanta ce n’era prima.

In conclusione, quello che è emerso dall’indagine, secondo la maggioranza delle risposte, questa situazione ci accompagnerà almeno per un altro anno. Inoltre, è emerso gli italiani vorrebbero che i sindaci (le figure più vicine al cittadino) di ogni paese avessero più autorità di natura sanitaria e non solo di natura amministrativa locale.

3,265FansLike
208FollowersFollow
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

Catania Conversation: il CoEHAR promuove una Master Class online

Catania Conversation CC è il nuovo progetto portato avanti dal Centre of Excellence for the acceleration of Harm Reduction (CoEHAR).

Giovanni Li Volti presenta il CoEHAR alla Scuola Superiore di Catania

Giovedì 28 maggio 2020, ore 18:00, il prof. Giovanni Li Volti direttore del CoEHAR, presenterà il CoEHAR alla Scuola Superiore di Catania.

Immunità di Gregge: non facile da raggiungere per uno studio francese

Una nuova ricerca condotta su allievi, insegnanti e staff di una scuola superiore in Francia ha preso in esame i casi di infezione da coronavirus e conseguente quadro clinico da COVID-19, per chiarire le tempistiche necessarie per poter parlare di immunità di gregge

La conseguenza del lockdown in Francia? Più sigarette per i fumatori

Secondo uno studio rilasciato dalla Sanità Pubblica francese (Santé publique France), il 27% dei fumatori ha aumentato il numero di sigarette fumate ogni giorno