13 C
Catania
mercoledì, Maggio 27, 2020
Home News Covid-19 e Regno Unito: provare a smettere di fumare per paura del...

Covid-19 e Regno Unito: provare a smettere di fumare per paura del virus?

Un nuovo studio riportato dal quotidiano The Sun ha rivelato che una piccola parte dei cittadini britannici, ha abbandonato il vizio del fumo per proteggersi dal covid-19.

Questo nuovo sondaggio nasce dalla collaborazione di YouGov e Action on Smoking Healt (ASH): la preoccupazione di un possibile contagio ha fatto sì che molti cittadini inglesi smettessero di fumare e, in generale, che optassero per uno stile di vita più sano.

550.000 britannici hanno provato a smettere di fumare, 2,4 milioni hanno ridotto il numero di sigarette giornaliere, il 2% su 1.004 persone, secondo il sondaggio, ha smesso per la preoccupazione di contrarre il virus, l’8% ha dichiarato di voler smettere, il 36% ha dichiarato di aver smesso, il 27% di sentirsi, oggi, più motivato a smettere.

Considerati gli ultimi avvenimenti, sappiamo bene che di recente diversi studi (dagli Stati Uniti alla Francia) hanno rivelato la possibile correlazione tra il covid-19 e il fumo, ma allo stesso tempo non esiste una validazione scientifica che confermino ciò. Nonostante le notizie sulle probabilità di contrarre più facilmente il virus per i fumatori non siano veritiere, il numero dei tabagisti nel Regno Unito in questo preciso periodo storico è diminuito.

In una recente dichiarazione, Nick Hopkinson, presidente dell’ASH, ha spiegato come il fumo danneggia il sistema immunitario e di come quest’ultimo può indebolirsi al momento di combattere un’infezione: smettere di fumare significherebbe evitare problemi di salute come infarti e ictus, soprattutto in un momento del genere durante il quale è assolutamente consigliato stare lontani dagli ambienti ospedalieri.

#QuitforCOVID è la campagna nata su Twitter che ha incoraggiato a smettere di fumare, anche grazie all’aiuto del fondatore Charlie Kenward che afferma:

Smettere di fumare è la prima cosa che le persone dovrebbero fare per migliorare lo stato della propria salute e non c’è momento migliore di questo per farlo.

Il Governo inglese mira a eliminare il fumo nel Regno Unito entro il 2030 e spiega come questa sia tra le prime misure da adottare per raggiungere quel livello di salute pubblica che abbia come scopo primario il bene di tutti i cittadini.

Affinché questo accada, è molto importante sviluppare servizi di assistenza per tutti i fumatori, regolare le norme di controllo del tabacco e di tutti i prodotti per tabagisti, senza tralasciare, naturalmente, una certezza finanziaria a lungo termine.

3,265FansLike
208FollowersFollow
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

Catania Conversation: il CoEHAR promuove una Master Class online

Catania Conversation CC è il nuovo progetto portato avanti dal Centre of Excellence for the acceleration of Harm Reduction (CoEHAR).

Giovanni Li Volti presenta il CoEHAR alla Scuola Superiore di Catania

Giovedì 28 maggio 2020, ore 18:00, il prof. Giovanni Li Volti direttore del CoEHAR, presenterà il CoEHAR alla Scuola Superiore di Catania.

Immunità di Gregge: non facile da raggiungere per uno studio francese

Una nuova ricerca condotta su allievi, insegnanti e staff di una scuola superiore in Francia ha preso in esame i casi di infezione da coronavirus e conseguente quadro clinico da COVID-19, per chiarire le tempistiche necessarie per poter parlare di immunità di gregge

La conseguenza del lockdown in Francia? Più sigarette per i fumatori

Secondo uno studio rilasciato dalla Sanità Pubblica francese (Santé publique France), il 27% dei fumatori ha aumentato il numero di sigarette fumate ogni giorno