11.1 C
Catania
sabato, Novembre 28, 2020
Home News Tabagismo e COVID-19: per un nuovo studio non esiste correlazione

Tabagismo e COVID-19: per un nuovo studio non esiste correlazione

Nel corso di queste settimane di emergenza, diverse fonti hanno paventato la possibilità che i soggetti fumatori avessero probabilità maggiori di contrarre il COVID-19 e andare incontro a un elevato tasso di complicazioni.

Ebbene, secondo un nuovo studio che sta per essere pubblicato, e di cui daremo notizia con comunicato stampa a breve, non solo non esisterebbero correlazioni tra il COVID-19 e il tabagismo, ma addirittura il fumo svolgerebbe una funzione diametralmente opposta.

In attesa del comunicato stampa, il Prof. Riccardo Polosa direttore del COEHAR ha dichiarato:

“Fumo e Covid non hanno correlazione. Un nuovo studio (di cui daremo nota anche tramite comunicato stampa nei prossimi giorni) dimostra ufficialmente che non solo non esiste correlazione tra tabagismo e COVID-19, ma sorprendeNtemente il fumo di sigarette risulta essere protettivo nei confronti della malattia e dei suoi stadi di gravità“. 

Lo stato di emergenza causato dalla diffusione del COVID-19 ha richiesto, nel giro di breve tempo, una modifica dei protocolli medici e assistenziali. Ad oggi, il miglior modo che abbiamo per confrontarci con questa epidemia rimane quello di fornire linee guida contenitive e terapeutiche, che informino sull’evoluzione della malattia nei pazienti.

Sia chiaro, il fumo non fa morire di Covid ma fa morire per le malattie fumo correlate. Smettere di fumare l’unica vera regola importante. Ma ad oggi dire che il fumo aumenta il rischio di COVID non è scientifico.   

3,275FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Fumo e pandemia: come combattere l’abitudine?

Mentre la seconda ondata di infezione da Covid-19 colpisce il mondo e un nuovo lockdown è in vista, aumentano anche le tensioni psicologiche sulle persone. Cosa abbiamo imparato dalla pandemia da un punto di vista psicologico?

VAPING: Lo studio che dimostra come l’esperienza sensoriale aiuta a smettere di fumare

Il vaping vince dove le terapie ufficiali hanno fallito. Ma qual è il segreto del suo successo? Questo si sono chiesti i ricercatori DiPiazza, Caponnetto, Askin, Christos, Maglia, Gautam, Roche e Polosa. Il frutto di tale ricerca è stato appena pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale Harm Reduction Journal.

Gerry Stimson: a che punto è la riduzione del danno da fumo?

Diversi gli scienziati e i medici che da allora, dedicano la propria carriera alle persone che fanno uso di eroina e altre sostanze stupefacenti. “Grazie alla mia esperienza, mi sono ritrovato a sviluppare e valutare l'approccio alla riduzione del danno, prima ancora che fosse conosciuto come tale nel Regno Unito. Il mio lavoro si è sempre concentrato sulle persone che si iniettavano droghe e rischiavano di contrarre l'infezione da HIV”, racconta Gerry Stimson, scienziato e docente inglese.

Nuova Zelanda: grazie allo svapo è in calo la vendita di sigarette

Dopo aver analizzato i rendimenti delle aziende produttrici di tabacco, l'ente End Smoking NZ ha dichiarato che lo scorso anno sono state vendute 410 milioni di sigarette in meno rispetto a due anni fa, sottolineando quanto sia importante incoraggiare i fumatori a passare ad alternative più sicure.