27.9 C
Catania
mercoledì, Luglio 8, 2020
Home Società Sentenza epocale della Cassazione: approvato risarcimento per danni da fumo passivo

Sentenza epocale della Cassazione: approvato risarcimento per danni da fumo passivo

Finalmente un precedente. La Cassazione conferma il risarcimento per il danno da fumo passivo in ufficio.

La Cassazione (con ordinanza 276/2019, sezione lavoro) ha infatti definitivamente condannato Poste Italiane, in questo caso come datore di lavoro, a risarcire un proprio dipendente affetto da tumore con 174 mila euro.

Il dipendente, oggi novantenne, ha avuto danni alle corde vocali, ha perso tutti i denti, fa fatica a ingerire cibi (è costretto a un’alimentazione per lo più liquida) ma soprattutto non è mai stato un fumatore.

La sua colpa (se così la si può chiamare) è stata quella di aver svolto la propria attività lavorativa dal 1980 al 1994 “in locali insalubri, di ridotte dimensioni e saturi di fumo”.

Secondo i giudici, Poste italiane avrebbe dovuto tutelare le condizioni di lavoro del dipendente non fumatore, considerando gli effetti negativi sulla salute anche del fumo passivo.   

Un sentenza che crea per la prima volta un precedente importante e che consente di aprire nuove strade di legittimità per la tutela dei lavoratori dal fumo passivo.

Valeria Nicolosihttp://www.ilblogchevale.it
Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.
3,267FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi

Australia: perché svapare dovrebbe essere più semplice?

Secondo un interessante articolo pubblicato di recente sul quotidiano australiano The Sydney Morning Herald, il Ministro della Salute Greg Hunt avrebbe annunciato...