26.9 C
Catania
sabato, Luglio 4, 2020
Home Società Sassari, stop al fumo in spiaggia

Sassari, stop al fumo in spiaggia

Con l’arrivo dell’estate ci si prepara alla prova costume. In molti pensano già alle vacanze e soprattutto sognano un beato riposo accarezzati dal rumore del mare.

Attenzione però a scegliere la spiaggia giusta!!!

Il Comune di Sassari ha redatto un nuovo regolamento sulla gestione dei rifiuti. Il Consiglio ha dato il via libera, con una votazione all’unanimità, al dispositivo che regolerà, dal 1° gennaio 2020, l’intero sistema nell’ambito del territorio cittadino e udite udite:

una delle novità maggiori riguarda il divieto di fumo in tutti gli arenili che ricadono in area comunale di Sassari.

Per i fumatori, si legge nel dispositivo, saranno istituiti appositi spazi. Sono escluse dal provvedimento le sigarette elettroniche. Un divieto che certo fa discutere ma anche riflettere, perché ormai fumare,  è chiaro a tutti fa male!!! 

Anche a Parigi , si sta sperimentando il divieto di fumo nei parchi e nelle piazze con una interdizione temporanea che per ora non prevede alcuna sanzione.

In Italia, questa decisione del comune sassarese di istituire il divieto di fumo nelle spiagge rappresenta una svolta green all’avanguardia che non farà certo piacere ai fumatori più accaniti, emarginati ancora una volta in determinati spazi .

“Il provvedimento viene approvato seguendo la filosofia improntata al rispetto dell’ambiente – spiega il sindaco Nicola Sanna – che deve partire dalle buone pratiche anche in materia di rifiuti “. 

Quanto alle sanzioni amministrative: vanno da un minimo di 25 euro a un massimo di 500 euro a seconda dei casi e della gravità della violazione. 

La domanda è: saranno davvero fatte queste sanzioni?

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!
3,268FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi

Estate: una buona stagione per smettere di fumare

In quest’ottica positiva si è propensi a prendere decisioni importanti, come quella di smettere di fumare. L’estate infatti è la stagione adatta perché si è più freschi, più caparbi, si adotta un regime alimentare più sano e si comincia a fare attività fisica, due fattori che si sposano perfettamente con la scelta di dire addio alle sigarette.

Fumatori, ex fumatori, non fumatori e svapatori durante il lockdown: un questionario del COEHAR ci racconta le loro abitudini

I risultati di un questionario condotto dai ricercatori del CoEHAR su quasi 2000 utenti residenti su tutto il territorio italiano hanno evidenziato una lieve diminuzione nel numero di sigarette fumate dagli italiani durante il lockdown e un aumento delle scorte di sigarette e di liquidi per e-cig da tenere in casa.