26.9 C
Catania
sabato, Luglio 4, 2020
Home L'esperto risponde Quando il commensale accanto fuma a cena

Quando il commensale accanto fuma a cena

Riceviamo spesso vari quesiti sulle norme antifumo in Italia. In molti ci chiedete come è possibile tutelarci dal fumo passivo tramite gli strumenti legislativi. A rispondere ad alcune delle vostre domande oggi è il prof. Venerando Rapisarda, membro del CoEHAR, Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania, ed esperto di ambiente e fumo.  

La domanda

Sono un non fumatore che detesta il fumo e si trova spesso a discutere con chi a ristorante, negli spazzi all’aperto, fuma tranquillamente rovinando il mio pasto. Siamo alla ricerca, con un gruppo di amici che la pensano come me, di capire se è permesso tale comportamento o se ho il diritto di chiedere di non fumare al mio vicino di tavolo, con riferimento ad eventuali normative da richiamare in caso di preteso rispetto del diritto“.

La risposta

Prof. Nando Rapisarda

Le principali norme che regolamentano il fumo negli ambienti outdoor sono:

  • D.Lgs. 104/2013: che regolamenta il fumo nei locali interni ed esterni degli istituti scolastici statali e paritari. Il decreto impone l’estensione del divieto di fumo, già previsto nei locali chiusi (Legge 3/03), alle aree all’aperto di pertinenza degli istituti scolastici statali e paritari. Inoltre, vieta (art. 4) l’utilizzo delle sigarette elettroniche nei locali chiusi delle istituzioni scolastiche statali e paritarie, comprese le sezioni di scuole operanti presso le comunità di recupero e gli istituti penali per i minorenni, nonché presso i centri per l’impiego e i centri di formazione professionale;
  • D.Lgs. 6/16 che recepisce la Direttiva Europea 2014/40/UE. Tra le novità introdotte vi sono anche: il divieto di fumo in autoveicoli in presenza di minori e donne in gravidanza; il divieto di fumo nelle pertinenze esterne degli ospedali e degli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) pediatrici, nonché nelle pertinenze esterne dei singoli reparti pediatrici, ginecologici, di ostetricia e neonatologia. 
  • Inoltre, si ricorda l’obbligo di non fumare per motivi di sicurezza, laddove vi sono materiali infiammabili (es. distributori di carburante), ecc. Ma in questi casi è prevista un esplicita cartellonistica che ricorda l’obbligo di non fumare.
  • Per altre normative specifiche sarà necessario rifarsi ad eventuali specifici provvedimenti comunali o disposizioni, chiaramente indicate (es. cartellonistica), dai gestori di esercizi aperti al pubblico (es. ristorante).
  • In taluni casi, specie nei ristoranti, anche se si tratta di un ambiente outdoor, vengono identificate vere e proprie aree, attrezzate per il consumo di cibi, ad uso esclusivo dei fumatori.
  • Infine, vale la pena ricordare il senso civico che ciascun di noi deve avere nelle relazioni con gli altri e nella condivisione degli spazi comuni. 

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!
3,268FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi

Estate: una buona stagione per smettere di fumare

In quest’ottica positiva si è propensi a prendere decisioni importanti, come quella di smettere di fumare. L’estate infatti è la stagione adatta perché si è più freschi, più caparbi, si adotta un regime alimentare più sano e si comincia a fare attività fisica, due fattori che si sposano perfettamente con la scelta di dire addio alle sigarette.

Fumatori, ex fumatori, non fumatori e svapatori durante il lockdown: un questionario del COEHAR ci racconta le loro abitudini

I risultati di un questionario condotto dai ricercatori del CoEHAR su quasi 2000 utenti residenti su tutto il territorio italiano hanno evidenziato una lieve diminuzione nel numero di sigarette fumate dagli italiani durante il lockdown e un aumento delle scorte di sigarette e di liquidi per e-cig da tenere in casa.