18 C
Catania
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home News Il team dell’Institute of Tecnology ha ideato mattoni di argilla contenenti mozziconi...

Il team dell’Institute of Tecnology ha ideato mattoni di argilla contenenti mozziconi di sigaretta

Il nostro ecosistema è messo a dura prova da tanti tipi di inquinamento come quello dei mozziconi di sigaretta, il primo passo è quello di informare i fumatori della composizione del filtro e sensibilizzarli a smaltirle correttamente, poiché spesso si pensa siano biodegradabili e invece non è così.

La degradazione dei mozziconi è rapida nei primi mesi ma poi si arresta del tutto rimanendo nell’ambiente, dando vita a sostanze tossiche.

Tutto ciò ha un forte impatto ambientale dimostrato da varie ricerche.

Purtroppo l’abbandono di mozziconi è una pratica molto diffusa, basti pensare che ogni giorno in Italia, ne vengono gettati oltre 195mila, anche se diversi progetti sperimentali dimostrano come si possano riciclare fornendo energia e materiali industriali. I filtri spesso contengono metalli pesanti come arsenico, cromo, nichel e cadmio.

Tante sono le soluzioni per riciclare questo rifiuto, una in particolare:

Il team dell’Institute of Tecnology ha ideato dei mattoni di argilla contenenti mozziconi di sigaretta all’1%, i quali hanno le stesse caratteristiche dei laterizi tradizionali ma utilizzando meno energia e costi per la produzione. Oltretutto pare che questi mattoni risulterebbero più leggeri e che potrebbero garantire un migliore isolamento termico offrendo un notevole risparmio su riscaldamento e raffreddamento nelle case. Ci vogliono fino a trenta ore per riscaldare e cuocere i mattoni, con un notevole risparmio finanziario. I mozziconi possono impiegare anni prima di decomporsi, ma durante la cottura del coccio le sostanze inquinanti vengono intrappolate e rese innocue dal mattone stesso. Quindi da un lato si ridurrebbe l’inquinamento, dall’altro si abbasserebbero i costi dei materiali di costruzione, ricordando che le sigarette inquinano fortemente l’ambiente, oltre a danneggiare la salute dei fumatori e di chi li circonda.

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!
3,278FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Medici ed ecig: in quanti consigliano i dispositivi a rischio ridotto?

Il mondo della smoking cessation comprende soluzioni diverse, nate con il comune scopo di aiutare i fumatori ad uscire per sempre dalla...

DATI INCORAGGIANTI SULLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS A TROINA

Nell’indagine su base volontaria, sono stati coinvolti 1312 cittadini, distribuiti per sesso ed età e pari a circa il 14% del totale degli abitanti, mentre per l’Istituto Oasi 474 dipendenti pari a circa il 70% degli operatori attivi. Dai risultati è emerso che dei 1312 volontari, solo 26 (il 2%) sono venuti a contatto con il virus, mentre tra i dipendenti dell’Istituto Oasi sono state rilevate 71 positività su un totale di 474 operatori sanitari sottoposti al test (il 15%).

Australia: l’Università del Queensland presenta un piano radicale per eliminare il fumo

Gli studi condotti dall’Università del Queensland hanno affermato che la prevalenza di fumo in Australia è di poco inferiore al 15 per cento, ma è necessaria una tabella di marcia dettagliata per ridurre tale cifra a zero. Tra le proposte dello stato australiano, la più audace sembrerebbe quella proveniente dal Centre for Research Excellence on Achieving the Tobacco Endgame (CREATE) che suggerisce di ridurre il numero di rivenditori di tabacco e di limitare le vendite a particolari punti vendita come le farmacie.

University of East Anglia: ecig meglio di cerotti e gomme per smettere di fumare

Una ricerca recente aggiorna i dati della Cochrane Review del 2016, aumentando i numeri degli studi considerati che confermano l’efficacia delle ecig nei percorsi di smoking cessation