11.8 C
Catania
venerdì, Dicembre 4, 2020
Home News Veritas Cohort: lo studio sull'utilizzo delle ecig che valuta anche Messico e...

Veritas Cohort: lo studio sull’utilizzo delle ecig che valuta anche Messico e Costa Rica

Veritas Cohort sta cercando già da diversi mesi svapatori con un breve passato da fumatori o che non abbiano mai fumato per un’indagine relativa agli effetti sulla salute.

L’obiettivo della ricerca è anche quello di raccogliere informazioni nelle varie aree di studio selezionate. Tra queste, in prima linea, anche i paesi come Costa Rica, Messico, Portogallo e Spagna.

I siti di studio previsti sono:

  • Canada (zona Toronto)
  • Costa Rica
  • Estonia
  • Germania (Bayern / Monaco)
  • Grecia (Atene)
  • Ungheria (Budapest)
  • Irlanda (Dublino)
  • Italia (Catania, Milano e Torino)
  • Messico (Città del Messico)
  • Nuova Zelanda (Auckland)
  • Polonia (diversi luoghi)
  • Portogallo (zona metropolitana di Lisbona)
  • Regno Unito (diverse luoghi)
  • Stati Uniti (diverse luoghi)
  • Spagna (zona Madrid)

Lo studio è condotto dallo scienziato Riccardo Polosa, fondatore del CoEHAR, ed è coordinato da Carl Phillips, esperto di riduzione del danno che da diversi anni supporta le comunità dello svapo lottando per il diritto alla salute dei fumatori che vogliono smettere.

La ricerca di Veritas Cohort è rivolta a tutti i non fumatori che usano la sigaretta elettronica abitualmente e che hanno fumato pochissime sigarette nel corso della loro vita. Durante il corso dei sei anni (durata prevista per lo studio), i soggetti di ricerca saranno invitati a sottoporsi a esami medici annuali (gratuiti) che includeranno test di funzionalità polmonare e TAC.

Per sapere se puoi partecipare scopri l’area di ricerca a te più vicina e compila direttamente il questionario.

Per tutti gli aggiornamenti, invece, chiedi agli ambassador di riferimento di ogni paese e continua a seguire Veritas Cohort sui canali ufficiali di Facebook, Instagram e Twitter.

Martina Rapisarda
Martina Rapisarda ha conseguito la laurea triennale in Lettere Moderne e la Laurea Magistrale in Comunicazione della Cultura e dello Spettacolo presso l’Università degli Studi di Catania. Ama il cinema, le serie tv e il teatro. Ha fatto parte dell’associazione culturale “Leggo”. Ha lavorato presso il Centro CInAP dell’Università degli Studi di Catania, curandone la comunicazione, i social media e l’organizzazione degli eventi in ambito universitario. L’interesse per la scrittura, e per i temi che riguardano la salute prima di tutto, l’ha portata a collaborare con Liaf dopo un percorso di successo che si è concluso con l’abbandono definitivo della sigaretta convenzionale. Il suo ruolo all’interno del team è quello di copywriter.
3,271FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

L’SRNT PREMIA IL COEHAR, ATTESO AL MEETING ANNUALE SRNT 2021

Il centro di ricerca catanese tra le eccellenze selezionate per l’edizione dell’evento annuale che, per quest’anno, si svolgerà online dal 24 al 27 febbraio

COVID-19 E SIGARETTA ELETTRONICA: ESISTE UN RISCHIO CONNESSO?

Svapare aumenta le percentuali di rischio di trasmissione dell’infezione da SARS-Cov-2 a causa delle piccole particelle emesse durante l’esalazione dell'aerosol delle sigarette elettroniche? Per rispondere a questa domanda, il CoEHAR, Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania, in collaborazione con l’Istituto di Scienze Nucleari di Città del Messico e la MyriadPharmaceuticals di Auckland, ha valutato le possibilità che le particelle emesse durante lo svapo possano aumentare il rischio di contagio da coronavirus.

Fumo e pandemia: come combattere l’abitudine?

Mentre la seconda ondata di infezione da Covid-19 colpisce il mondo e un nuovo lockdown è in vista, aumentano anche le tensioni psicologiche sulle persone. Cosa abbiamo imparato dalla pandemia da un punto di vista psicologico?

VAPING: Lo studio che dimostra come l’esperienza sensoriale aiuta a smettere di fumare

Il vaping vince dove le terapie ufficiali hanno fallito. Ma qual è il segreto del suo successo? Questo si sono chiesti i ricercatori DiPiazza, Caponnetto, Askin, Christos, Maglia, Gautam, Roche e Polosa. Il frutto di tale ricerca è stato appena pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale Harm Reduction Journal.