22.2 C
Catania
martedì, Luglio 14, 2020
Home News OMS: nove fumatori su 10 iniziano a fumare prima dei 18 anni....

OMS: nove fumatori su 10 iniziano a fumare prima dei 18 anni. Perché?

Le strategie che oggi vengono utilizzate dall’industria del tabacco e della nicotina contribuiscono alla morte di otto milioni di persone l’anno. Ma ciò che preme maggiormente all’OMS, soprattutto quest’anno e in un periodo molto delicato come questo, è che le industrie che producono i prodotti, hanno continuato a farlo anche quando molte persone rischiavano la vita a causa del Covid-19.

La denuncia da parte dell’OMS scatta dal momento in cui le strategie di marketing cercano di coinvolgere i più giovani, per questo la Giornata Mondiale senza Tabacco celebrata lo scorso 31 maggio, ha avuto come fine quello di informare ed educare gli adolescenti.

Gli adolescenti che vengono visti e considerati come quella fascia d’età più vulnerabile a determinate strategie, come i destinatari più “papabili”.

Da un interessante articolo pubblicato da UN NEWS – Global perspective Human stories apprendiamo la dichiarazione di Ruediger Krech, direttore per la Promozione della Salute presso l’OMS, che afferma:

“Educare i giovani è vitale perché quasi nove fumatori su 10 iniziano prima dei 18 anni. Vogliamo fornire ai giovani le conoscenze per parlare contro la manipolazione dell’industria del tabacco”.

Tale avvertimento nasce dalla particolare premura che è stata rivolta alla delicata questione delle sigarette elettroniche che vengono considerate come uno strumento alternativo per smettere di fumare ma che risultano essere comunque molto dannose perché provocano malattie cardiache e polmonari. Da tenere in considerazione è anche la varietà dei gusti dei liquidi messi a disposizione dal mercato (dalla gomma da masticare a quello di caramelle) che viene offerta e soprattutto prodotta per attirare e coinvolgere tutti quei giovani che non si sono ancora approcciati al fumo. Quasi come se fosse un invito per invogliarli a provare.

Il marketing del tabacco, infatti, si cela anche all’interno dei film, dei videogiochi, delle serie televisive proprio per ammaliare quegli adolescenti che prendono esempio e imitano le abitudini del proprio personaggio preferito, trasmettendo così un messaggio non proprio educativo.

L’OMS ha lanciato un’iniziativa sui social network tanto amati dagli adolescenti, tra questi Tik Tok, fornendo una serie di attività formative attraverso le quali è possibile smascherare l’atto della manipolazione. Come? Mettendosi nel ruolo di chi sta dietro l’industria del tabacco e gestisce questo tipo di mercato.

Anche LIAF da tempo ha avviato un progetto di disseminazione della cultura antifumo nelle scuole, sin dalla più giovane età. I partecipanti alle varie giornate di promozione antifumo si sono sempre dimostrati interessanti e molto coinvolti.

“E’ dalle organizzazioni sociali più territoriali che si deve partire – ha detto il presidente Ezio Campagna – bisogna parlare ai ragazzi ed alle loro famiglie per mostrare tangibilmente i danni causati dal fumo e per evitare che chiunque possa approcciarsi al fumo di sigaretta convenzionale anche solo per una volta”.

3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi