15.1 C
Catania
domenica, Aprile 5, 2020
Home News Le malattie che provoca il fumo

Le malattie che provoca il fumo

Il fumo, il killer che uccide, danneggia quasi tutti gli organi del corpo umano provocando gravissime malattie.

Ecco quali:

  • Bronchite acuta e cronica, enfisema, asma, diverse infezioni respiratorie.
  • Il tumore polmonare, per un totale di circa 30 mila morti l’anno.
  • Infarto e malattie coronariche, con una mortalità alta in pazienti con bypass, poiché danneggia le  cellule che rivestono i vasi arteriosi.
  • Cardiopatia ischemica
  • Ictus, con un rischio molto elevato insieme all’aneurisma aortico.
  • Danni sulla sessualità maschile e femminile, nocivo anche per l’organo riproduttivo. Può portare anche a menopause precoci.
  • Gravi patologie del cavo orale, sino al tumore alla bocca.
  • Gengiviti, ingiallimento dei denti e pessimi risultati estetici.
  • Demenza, con un deterioramento delle funzioni cerebrali
  • Artrite  reumatoide
  • Diabete tipo 2 
  • Osteoporosi prematura
  • Degenerazione della retina 

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!
3,229FansLike
172FollowersFollow
541FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

Il Prof. Polosa fa chiarezza sul tempo di sopravvivenza del Coronavirus su pareti e superfici

Gli autori dell’articolo riportano che il virus possa rimanere vitale sulle superfici sino a un massimo di 3 giorni. Secondo Polosa, sono davvero troppi.

Smartphone e COVID-19: il limite tra privacy e necessità

Dalla Cina all'Europa, numerose sono le soluzioni proposte per monitorare e contrastare l'emergenza da COVID-19, utilizzando gli smartphone o i dispositivi indossabili. Ma esiste un limite?

Questionario COVID per fumatori e non, svapatori e non

Pochi minuti del vostro tempo saranno necessari per aiutare i ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo e del CoEHAR a trovare le...

Teenager e vaping: la moda e i social media

Essere teenager significa doversi rapportare con il gruppo, con la moda, con la necessità di sentirsi accettati. E che le relazione intercorre tra il vaping e i soggetti più giovani?