25.1 C
Catania
sabato, Luglio 4, 2020
Home News In Spagna una piattaforma con i medici per la Riduzione del danno...

In Spagna una piattaforma con i medici per la Riduzione del danno da fumo

Articolo di Valeria Nicolosi e Gabriella Finocchiaro

Una piattaforma indirizzata ai Medici e totalmente dedicata alla Riduzione del Danno da Fumo grazie al “cigarillo electrónico“, cosi gli spagnoli chiamano la sigaretta elettronica.

https://www.porlareducciondedanoportabaquismo.org

E’ il nuovo sito, nato da una idea di Carmen Escrig, dottore in biologia cellulare e genetica dell’Università di Madrid, che sta muovendo le coscienze di centinaia di medici spagnoli.

Lo scorso settembre, infatti, ANESVAP e MOVE hanno organizzato il primo vertice sulla riduzione del danno da fumo in Spagna. All’incontro era presente anche il direttore CoEHAR, Riccardo Polosa.

L’occasione è stata utile proprio per avviare un dialogo costruttivo e permanente con gli operatori della salute.

Oggi la piattaforma è guidata da diversi coraggiosi medici spagnoli che si muovono per dimostrare al governo come una politica che promuove la riduzione del rischio per combattere la diffusione del tabagismo, sulla scia dell’esempio anglosassone, può salvare migliaia di vite.

Finora, la piattaforma conta medici, scienziati, professori, specialisti del settore e tra questi anche personalità famose.

Tra le altre iniziative, la piattaforma avrà un comitato scientifico formato da medici di fama nazionale che valuterà tutta la letteratura scientifica disponibile e promuoverà la raccolta di fondi per gli studi sulla Riduzione del Rischio anche in Spagna.

Ricordiamo che il primo ed unico Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo è proprio quello nato pochi mesi fa nell’Università degli Studi di Catania e diretto da Riccardo Polosa.

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!
3,268FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi

Estate: una buona stagione per smettere di fumare

In quest’ottica positiva si è propensi a prendere decisioni importanti, come quella di smettere di fumare. L’estate infatti è la stagione adatta perché si è più freschi, più caparbi, si adotta un regime alimentare più sano e si comincia a fare attività fisica, due fattori che si sposano perfettamente con la scelta di dire addio alle sigarette.

Fumatori, ex fumatori, non fumatori e svapatori durante il lockdown: un questionario del COEHAR ci racconta le loro abitudini

I risultati di un questionario condotto dai ricercatori del CoEHAR su quasi 2000 utenti residenti su tutto il territorio italiano hanno evidenziato una lieve diminuzione nel numero di sigarette fumate dagli italiani durante il lockdown e un aumento delle scorte di sigarette e di liquidi per e-cig da tenere in casa.