22.2 C
Catania
martedì, Luglio 14, 2020
Home News Estate: una buona stagione per smettere di fumare

Estate: una buona stagione per smettere di fumare

Alla fine, l’estate è arrivata!

L’abbiamo aspettata così tanto quest’anno, a causa del lockdown, uscendone cambiati noi e il mondo.

Anche se non sappiamo cosa accadrà domani, sentiamo un’energia nuova dentro di noi, il nostro corpo vuole ritornare ad essere libero a sorridere seppur con mascherina, abbracciarsi e stringersi di nuovo la mano. Complici i colori, il sole caldo che ci riscalda la mente e il cuore, il mare e il cielo blu, i balconi fioriti tutto ciò ci spinge ad una visione ottimista del futuro.

In quest’ottica positiva si è propensi a prendere decisioni importanti, come quella di smettere di fumare.

L’estate infatti è la stagione adatta perché si è più freschi, più caparbi, si adotta un regime alimentare più sano e si comincia a fare attività fisica, due fattori che si sposano perfettamente con la scelta di dire addio alle sigarette.

Le giornate sono più lunghe permettendo di ritagliare spazi per fare attività piacevoli, salutari e gratificanti, ottimi alleati dello stop al fumo. Ne guadagnerà la salute e l’aspetto, il fumo si sa rende la pelle opaca e spenta e fa apparire più stanchi e privi di energia, per non parlare delle tante malattie da fumo correlate.

Inoltre il fumo riduce l’apporto di importanti antiossidanti e antinfiammatori come la vitamina C, la vitamina E, utili per combattere malattie degenerative del cuore, polmoni e cervello. Una buona idratazione (bere molto) facilita l’eliminazione di tossine e d’estate la frutta, verdura e gelati la fanno da padrone.

Scegliere il momento giusto, per avere più probabilità di riuscita con una condizione di ridotto stress emotivo come ad esempio il periodo delle vacanze.

Smettere di fumare fa bene sempre, ma come abbiamo detto, l’estate offre una serie di opportunità che la rendono uno dei momenti migliori per affrontare questo passo.

Il consiglio del prof. Pasquale Caponnetto: “Gustatevi i gelati, l’aria, il sole, la sabbia, il mare, le relazioni ritrovate, assaporate ogni momento delle vostre giornate e ricordatevi che è tutto prezioso. Solo questo può farci capire che non abbiamo bisogno di avvelenarci con le sigarette e che la vita è bella e solare anche senza di esse“.

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!
3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi