18 C
Catania
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home News Ecco come il fumo danneggia i capelli

Ecco come il fumo danneggia i capelli

I capelli, arma di seduzione nella donna e di virilità nell’uomo, da sempre rappresentano un simbolo di bellezza e la loro cura cresce di pari passo con quella del corpo. La perdita di una bella chioma, è uno dei maggiori timori che ci affligge, le cause possono essere tante, dai cambiamenti ormonali dovute a menopause e gravidanze, eccessivo stress, diete, cattiva alimentazione, ma anche il fumo.

Infatti non tutti sanno che fumare fa male ai capelli e sia una concausa importante nell’insorgere di problematiche.

Il fumo che ha origine dalla combustione del tabacco e della carta di sigaretta, contiene più di 7000 sostanze nocive per il corpo. In particolare tra queste, il monossido di carbone, danneggia l’organismo e la capigliatura.

Fumare influisce negativamente sulla circolazione sanguigna e danneggia il dna del follicolo pilifero, dando vita ad una infiammazione di quest’ultimo, al quale viene alterato l’equilibrio del tessuto epidermico durante la crescita del capello. Diminuendo così l’apporto di sangue ai follicoli, si aumenta il rischio di alopecia androgenetica, ovvero un’eccessiva o precoce perdita di capelli.

La conferma scientifica che ciò è favorito dal fumo, è arrivata nel 2007 quando un gruppo di ricercatori di Taiwan ha pubblicato sulla rivista Archives of Dermatology i risultati di uno studio che ha rilevato che, a parità di altri fattori come lo stile di vita e abitudini alimentari, la caduta di capelli e conseguente calvizie, è più accentuata nei fumatori, rispetto a chi non ha questo vizio. Non è un caso, che in chi fa uso abituale e prolungato di tabacco, i capelli tendano ad essere più fragili e spenti.

Smettendo si riavvia una migliore circolazione sanguigna e di conseguenza alla cute arriva un maggior nutrimento, con i follicoli piliferi che ritornano ad essere più sani e produttivi, abbassando il rischio di infezioni, liberi di respirare e di produrre capelli integri e forti.

Migliorare lo stile di vita, una corretta alimentazione e una riduzione delle sigarette apporterebbe benefici per la salute dei nostri capelli.

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!
3,278FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Medici ed ecig: in quanti consigliano i dispositivi a rischio ridotto?

Il mondo della smoking cessation comprende soluzioni diverse, nate con il comune scopo di aiutare i fumatori ad uscire per sempre dalla...

DATI INCORAGGIANTI SULLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS A TROINA

Nell’indagine su base volontaria, sono stati coinvolti 1312 cittadini, distribuiti per sesso ed età e pari a circa il 14% del totale degli abitanti, mentre per l’Istituto Oasi 474 dipendenti pari a circa il 70% degli operatori attivi. Dai risultati è emerso che dei 1312 volontari, solo 26 (il 2%) sono venuti a contatto con il virus, mentre tra i dipendenti dell’Istituto Oasi sono state rilevate 71 positività su un totale di 474 operatori sanitari sottoposti al test (il 15%).

Australia: l’Università del Queensland presenta un piano radicale per eliminare il fumo

Gli studi condotti dall’Università del Queensland hanno affermato che la prevalenza di fumo in Australia è di poco inferiore al 15 per cento, ma è necessaria una tabella di marcia dettagliata per ridurre tale cifra a zero. Tra le proposte dello stato australiano, la più audace sembrerebbe quella proveniente dal Centre for Research Excellence on Achieving the Tobacco Endgame (CREATE) che suggerisce di ridurre il numero di rivenditori di tabacco e di limitare le vendite a particolari punti vendita come le farmacie.

University of East Anglia: ecig meglio di cerotti e gomme per smettere di fumare

Una ricerca recente aggiorna i dati della Cochrane Review del 2016, aumentando i numeri degli studi considerati che confermano l’efficacia delle ecig nei percorsi di smoking cessation