28.6 C
Catania
martedì, Agosto 4, 2020
Home News Ecco come il fumo danneggia i capelli

Ecco come il fumo danneggia i capelli

I capelli, arma di seduzione nella donna e di virilità nell’uomo, da sempre rappresentano un simbolo di bellezza e la loro cura cresce di pari passo con quella del corpo. La perdita di una bella chioma, è uno dei maggiori timori che ci affligge, le cause possono essere tante, dai cambiamenti ormonali dovute a menopause e gravidanze, eccessivo stress, diete, cattiva alimentazione, ma anche il fumo.

Infatti non tutti sanno che fumare fa male ai capelli e sia una concausa importante nell’insorgere di problematiche.

Il fumo che ha origine dalla combustione del tabacco e della carta di sigaretta, contiene più di 7000 sostanze nocive per il corpo. In particolare tra queste, il monossido di carbone, danneggia l’organismo e la capigliatura.

Fumare influisce negativamente sulla circolazione sanguigna e danneggia il dna del follicolo pilifero, dando vita ad una infiammazione di quest’ultimo, al quale viene alterato l’equilibrio del tessuto epidermico durante la crescita del capello. Diminuendo così l’apporto di sangue ai follicoli, si aumenta il rischio di alopecia androgenetica, ovvero un’eccessiva o precoce perdita di capelli.

La conferma scientifica che ciò è favorito dal fumo, è arrivata nel 2007 quando un gruppo di ricercatori di Taiwan ha pubblicato sulla rivista Archives of Dermatology i risultati di uno studio che ha rilevato che, a parità di altri fattori come lo stile di vita e abitudini alimentari, la caduta di capelli e conseguente calvizie, è più accentuata nei fumatori, rispetto a chi non ha questo vizio. Non è un caso, che in chi fa uso abituale e prolungato di tabacco, i capelli tendano ad essere più fragili e spenti.

Smettendo si riavvia una migliore circolazione sanguigna e di conseguenza alla cute arriva un maggior nutrimento, con i follicoli piliferi che ritornano ad essere più sani e produttivi, abbassando il rischio di infezioni, liberi di respirare e di produrre capelli integri e forti.

Migliorare lo stile di vita, una corretta alimentazione e una riduzione delle sigarette apporterebbe benefici per la salute dei nostri capelli.

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!
3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Fumare per alleviare lo stress, ma la tua salute sessuale è a rischio

Secondo le stime, le patologie non trasmissibili quali malattie cardiovascolari, metaboliche oncologiche e respiratorie causano oltre 15 milioni di morti. Per tali patologie, uno dei fattori di rischio più diffusi è il fumo, che nei soggetti maschili è una dipendenza associata a disfunzioni erettili e parametri spermatici alterat

La confusione globale dell’impatto della nicotina sulla salute rende vani gli sforzi per smettere di fumare

La confusione globale dell’impatto della nicotina sulla salute rende vani gli sforzi per smettere di fumare. Un nuovo studio ha analizzato le percezioni di oltre 55.000 consumatori di nicotina in sette paesi diversi.

San Raffaele di Milano: fra i malati di Covid-19 ci sono pochi fumatori

Le continue ricerche dei medici del San Raffaele di Milano confermano che il Sars-cov2 colpisca con meno frequenza i fumatori.

SAI DAVVERO COS’È LA RIDUZIONE DEL DANNO DA TABACCO?

Nell'ultimo decennio, i dispositivi a basso rischio per sostenere i programmi di riduzione del danno da tabacco hanno sollevato sia opinioni positive sull'efficacia di questi prodotti sia reazioni fortemente contrarie.