15.1 C
Catania
domenica, Aprile 5, 2020
Home Iniziative Coronavirus: via alle donazioni per il Policlinico di Catania

Coronavirus: via alle donazioni per il Policlinico di Catania

In questo momento di emergenza dovuta al coronavirus tante sono le iniziative volontarie di associazioni e non per dare un contributo alla sanità italiana.

A  Catania, nello specifico, l’associazione composta da giovani medici della provincia etnea, “MetaMedica”, ha lanciato una campagna di donazioni per sostenere ed implementare l’attività svolta dall’ospedale Policlinico Vittorio Emanuele di Catania.

MetaMedica nasce agli inizi del 2019 dall’idea di un gruppo di medici, amici e colleghi, che amando la loro professione, hanno deciso di dare vita ad una organizzazione no profit che possa veicolare la cultura della salute. MetaMedica rivolge il proprio lavoro all’intera comunità, con lo scopo di rendere fruibili a tutti le competenze medico scientifiche che caratterizzano la professionalità dei propri soci, impegnati attivamente ed a vario titolo nella nostra realtà territoriale.

Ora più che mai nel pieno di una delle più grandi emergenze sanitarie della storia, determinata, come tutti sappiamo, dalla diffusione del COVID-19, abbiamo deciso, ci dicono il presidente, Antonio Fusco e il vice presidente di MetaMedica, Carlo Bellanca (che è anche uno dei ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo): “Che vista da una parte la mission della nostra associazione e dall’altra la nostra professione, è giusto dare un contributo al nostro sistema sanitario nella gestione di tale emergenza rivolgendo un appello a tutta la popolazione”.

Allo scopo di supportare la nostra terra in questo momento di difficoltà, Metamedica ha lanciato una raccolta fondi per sostenere il Policlinico di Catania ad incrementare la disponibilità di tutte le risorse utili a fronteggiare l’emergenza, lasciando all’azienda ospedaliera, la possibilità di decidere cosa acquistare (DPI, Ventilatori, Farmaci, Posti Letto, etc…).

È possibile partecipare alla raccolta fondi andando su questo link e compilando i campi richiesti. http://gf.me/u/xqgcn4 

Ricordiamo inoltre, che in questo momento sono tante le piattaforme disponibili on line che hanno avviato iniziative a sostegno delle strutture ospedaliere del territorio.

Se stiamo a casa, occupiamo un pò del nostro tempo per il sostegno di tutti.

 

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!
3,229FansLike
172FollowersFollow
541FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

Il Prof. Polosa fa chiarezza sul tempo di sopravvivenza del Coronavirus su pareti e superfici

Gli autori dell’articolo riportano che il virus possa rimanere vitale sulle superfici sino a un massimo di 3 giorni. Secondo Polosa, sono davvero troppi.

Smartphone e COVID-19: il limite tra privacy e necessità

Dalla Cina all'Europa, numerose sono le soluzioni proposte per monitorare e contrastare l'emergenza da COVID-19, utilizzando gli smartphone o i dispositivi indossabili. Ma esiste un limite?

Questionario COVID per fumatori e non, svapatori e non

Pochi minuti del vostro tempo saranno necessari per aiutare i ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo e del CoEHAR a trovare le...

Teenager e vaping: la moda e i social media

Essere teenager significa doversi rapportare con il gruppo, con la moda, con la necessità di sentirsi accettati. E che le relazione intercorre tra il vaping e i soggetti più giovani?