22.2 C
Catania
martedì, Luglio 14, 2020
Home Comunicati stampa

Comunicati stampa

India: Riccardo Polosa sollecita il governo a riconsiderare il divieto sulle elettroniche

Intervistato anche dalla televisione nazionale indiana, lo scienziato catanese sta sollecitando il governo a riconsiderare la raccomandazione del divieto assoluto dei dispositivi a rischio ridotto proprio per il bene della salute pubblica nazionale.

Negli USA 94 casi di malattia ai polmoni tra giovani svapatori. Per Polosa: “assenti dimostrazioni certe che colleghino questi casi alle e-cig”

94 casi di malattia polmonare a causa delle ecig. Per Riccardo Polosa non c'è nessuna connessione scientifica.

Una nuova revisione suggerisce che l’uso delle sigarette elettroniche non solleva preoccupazioni significative sulla salute

Secondo una nuova revisione scientifica condotta dal prof. Riccardo Polosa, i fumatori dovrebbero essere fiduciosi che lo svapo è molto meno dannoso per i polmoni rispetto al fumo di sigarette convenzionali.

Salute del cavo orale: con le elettroniche miglioramenti sorprendenti

Salute parodontale: con le ecig un miglioramento completo relativo agli indici clinicamente più rilevanti ed oggettivamente rilevabili.

Inghilterra, si alla vendita di ecig in ospedale

Via libera alla vendita di e-cig all'interno degli ospedali. Il Servizio Sanitario Nazionale ha approvato l'apertura di due negozi di sigarette elettroniche all'interno delle due più grandi strutture sanitarie pubbliche dell’area di Birmingham, il General Hospital di Sandwell e il City Hospital.

Il commento di Derek Yach sulla “traversata della ricerca”

Derek Yach commenta la sua esperienza durante la "Traversata della Ricerca" dello Stretto di Messina, l'evento di presentazione dei 9 progetti di ricerca del CoEHAR dell'Università di Catania.

Chiuse le iscrizioni alla ISPM, più di 70 richieste da 20 Paesi diversi

Chiuse le iscrizioni alla prima ISPM International Summer School on Project Management organizzata dal CoEHAR. La prima edizione è già un successo, pervenute più di 70 richieste di partecipazione da 20 Paesi diversi.

9 NUOVI PROGETTI DI RICERCA PER SMETTERE DI FUMARE E RIDURRE IL DANNO DA FUMO

Riccardo Polosa, direttore del Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania (CoEHAR) ha presentato nove nuovi progetti di ricerca per smettere di fumare e ridurre il danno da fumo. Con lui, il presidente della Foundation for a Smoke-Free World, Dr. Derek Yach, il direttore del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università degli Studi di Catania, Francesco Purrello e l’assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza.

Ultimi Articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi