22.2 C
Catania
martedì, Luglio 14, 2020
Home News COVID-19 e fumatori: sono davvero a rischio o vale il contrario?

COVID-19 e fumatori: sono davvero a rischio o vale il contrario?

Molto spesso, durante la formulazione di un’ipotesi, si può partire dal concetto diametralmente opposto, dalla versione più bizzarra e meno probabile.

Una teoria che Platone ben esprime nel Parmenide, l’opera della maturità, che lascia riflettere il lettore con la domanda “che farai dunque della filosofia?”.

La dialettica viene infatti descritta come un processo filosofico in cui, dopo la formulazione dell’ipotesi, si analizzano le conseguenze che ne derivano: se la conseguenza contraddice l’ipotesi, questa va considerata insostenibile e dunque falsa. Un dedalo logico intricato e un esercizio mentale complesso.

Certo, la dottrina del ragionamento logico si è evoluta, scissa dalla ricerca scientifica, basata su un modello empirico per essere ritenuta valida. Ma proviamo per un momento ad esercitarci in questo gioco logico.

Nelle ultime settimane, la diffusione a livello mondiale di un nemico subdolo e invisibile, il COVID-19 ha avuto l’effetto di una testata nucleare, ridisegnando improvvisamente il tessuto economico e sociale, dimostrandone la fragilità. Rapporti umani e monetari sono cambiati e ad oggi non è dato sapere quale saranno le conseguenze sul lungo periodo.

Come mai prima d’ora, medicina ed economia si sono dimostrate essere interconnesse su più livelli, il collasso di una legata a quello dell’altra. Per salvaguardare il fragile sistema economico, la creazione di un vaccino sembra essere la meta di una vera e propria corsa all’oro, la cui lista di partecipanti aumenta giorno dopo giorno.

Ma in attesa di una valida terapia di immunizzazione, dobbiamo ricorrere alle strategie che ad oggi funzionano. 

Garantire che il personale medico sanitario sia in grado di accedere a protocolli non solo contentivi, ma anche terapeutici è ad oggi la nostra migliore possibilità, fornendo dati precisi su quali tipologie di pazienti con il coronavirus andranno incontro a un peggioramento più velocemente di altri.

Ma cosa c’entra in questo discorso su COVID-19 l’esercizio che Platone richiede nel Parmenide?

Bene, partiamo dall’ipotesi che noi sappiamo essere vera che i componenti presenti nelle sigarette convenzionali creano nel lungo periodo un complesso quadro clinico, rappresentando un fattore di rischio per i pazienti affetti da altre patologie.  

Se seguissimo questa ipotesi, i fumatori affetti da COVID-19 andrebbero incontro a un elevato tasso di complicazioni, come molte ricerche sembrano suggerire. Per Platone per dimostrare la veridicità di questa ipotesi dovremmo confermare la falsità dell’ipotesi opposta, ovvero secondo la quale i fumatori sono meno esposti ai rischi da coronavirus.

Secondo un recente studio di Farsalinos, analizzando i dati provenienti dalla Cina sui pazienti ospedalizzati affetti da COVID-19, si è notato un numero insolitamente basso di pazienti tabagisti, soprattutto in un paese come quello asiatico dove il tasso di fumatori è altissimo. Dati simili sono sono emersi anche in USA, dove il CDC parla di un incidenza del Covid-19 tra fumatori dell’1.3% contro il 16.5% di fumatori nella popolazione. 

Certo, la situazione emergenziale che gli operatori del settore si trovano ad affrontare e i numeri elevati di pazienti gestiti (ad oggi i casi da coronavirus nel mondo superano i 2 milioni) non garantisce la totale sicurezza scientifica.

Ma se seguissimo questa pista dovremmo arrivare all’assunto che il fumo abbia una funzione protettiva anzichè distruttiva, in relazione all’epidemia.

Dobbiamo forse incentivare al fumo? Ipotesi non giustificabile nemmeno di fronte all’emergenza.

Ma quello che i dati ci suggeriscono porta all’idea di un percorso terapeutico controllato a base di nicotina, che sappiamo non essere dannosa se assunta in dosi minime e controllate, a maggior ragione se scissa dai componenti tossici contenuti nelle sigarette convenzionali. Secondo gli autori dello studio, la nicotina, interagendo con i recettori responsabili della risposta immunitaria,  impedisce di contrarre forme gravi del virus.

Nessuno, in una situazione emergenziale come quella attuale, si lancerebbe nel proporre soluzioni medico-sperimentali che nel lungo periodo potrebbero risultare dannose, ma perché non monitorare con attenzione i dati che provengono da paesi come la Svezia, dove la percentuale di utilizzatori di snus è elevata? Alla stessa maniera, si potrebbero analizzare i dati di utilizzo di sistemi alternativi a base di nicotina, come le sigarette elettroniche.

Siamo in una fase di stallo e non possiamo permetterci di tralasciare nulla di intentato. Scienziati e ricercatori di tutto il mondo devono mettere da parte le loro remore sia scientifiche che ideologiche e abbracciare la possibilità di intraprendere tutti i percorsi di validazione scientifica possibili anche quelli meno ortodossi.

3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi