28.2 C
Catania
domenica, Luglio 5, 2020
Home Scienza Rischio di ictus e malattie cardiache anche con una sola sigaretta al...

Rischio di ictus e malattie cardiache anche con una sola sigaretta al giorno

Come è già noto, il fumo aumenta il rischio di sviluppare malattie coronariche e ictus ma molti fumatori credono che ridurre il numero di sigarette fumate ogni giorno, riduce sostanzialmente anche il rischio di queste malattie. Un nuovo studio pubblicato pochi giorni fa sulla rivista scientifica “The Bmj” dimostra, invece, l’esatto contrario: “Fumare, anche solo una sigaretta al giorno comporta comunque il rischio di sviluppare malattie coronariche e ictus. La percentuale è di circa il 50% in meno rispetto a chi fuma 20 sigarette al giorno”.

Lo studio – condotto da Allan Hackshaw dell’University College London, Joan K. Morris della Queen Mary University di Londra, Sadie Boniface del Kings College di Londra, Jin-Ling Tang della Chinese University di Hong Kong e Dušan Milenković della Meta Research Evidera di Londra – dimostra per la prima volta che, rispetto a chi non ha mai fumato, gli uomini che fumano anche solo una sigaretta al giorno hanno un rischio del 48% più elevato di contrarre malattie cardiache ed un rischio del 25% in più di avere un ictus. Lo stesso rischio è addirittura più elevato per le donne: 57% per malattie cardiache e 31% per ictus.

Non esiste alcun livello sicuro di fumo per le malattie cardiovascolari – ha infatti ribadito oggi il prof. Riccardo Polosasmettere è la priorità e se il percorso sembra difficile e arduo, allora è possibile affidarsi a strumenti alternativi alla sigaretta convenzionale meno dannosi e più sicuri come le sigarette elettroniche“.

Proprio di recente, infatti, anche il dr. Kostantinos Farsalinos (cardiologo dell’Università di Patras e membro del Comitato Scientifico LIAF) ha affermato che: “la normale risposta degli svapatori alle attività di respirazione controllata indica che qualsiasi effetto delle sigarette elettroniche sulla variabilità del battito cardiaco è più basso rispetto agli effetti del fumo“.

Sempre secondo Polosa e Farsalinos, inoltre: “smettere di fumare con le e-cigs può addirittura normalizzare una pressione arteriosa elevata“.

 

3,268FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi

Estate: una buona stagione per smettere di fumare

In quest’ottica positiva si è propensi a prendere decisioni importanti, come quella di smettere di fumare. L’estate infatti è la stagione adatta perché si è più freschi, più caparbi, si adotta un regime alimentare più sano e si comincia a fare attività fisica, due fattori che si sposano perfettamente con la scelta di dire addio alle sigarette.

Fumatori, ex fumatori, non fumatori e svapatori durante il lockdown: un questionario del COEHAR ci racconta le loro abitudini

I risultati di un questionario condotto dai ricercatori del CoEHAR su quasi 2000 utenti residenti su tutto il territorio italiano hanno evidenziato una lieve diminuzione nel numero di sigarette fumate dagli italiani durante il lockdown e un aumento delle scorte di sigarette e di liquidi per e-cig da tenere in casa.