30.1 C
Catania
sabato, Luglio 11, 2020
Home Comunicati stampa Pressione sanguigna: con l'ecig miglioramenti a lungo termine

Pressione sanguigna: con l’ecig miglioramenti a lungo termine

La sigaretta elettronica è un strumento prezioso per la riduzione del danno anche nei fumatori che soffrono di ipertensione arteriosa.  A dirlo è un nuovo studio condotto da un gruppo di ricercatori, coordinati dal prof. Riccardo Polosa, pubblicato di recente su PUBMED e dal titolo “Controlli della pressione sanguigna in fumatori ipertesi che passano alla sigaretta elettronica“.

I ricercatori (Jaymin B. Morjaria del Royal Brompton & Harefield Hospital del Regno Unito, Pasquale Caponnetto, Eliana Battaglia e Cosimo M. Bruno dell’Università di Catania, Cristina Russo e Claudio Ciampi dell’Arnas Garibaldi di Catania e George Adam del Rex Hospital di Raleigh negli Stati Uniti) hanno dimostrato che, nei pazienti con ipertensione arteriosa, l’utilizzo della sigaretta elettronica come sostituto di quella convenzionale porta ad una marcata riduzione della pressione sistolica e diastolica, nonché a miglioramenti clinicamente rilevanti nel controllo della pressione sanguigna.

Peraltro, si è anche notato che il passaggio a regolare l’uso di e-cig in queste popolazioni di pazienti non è associato al consueto aumento di peso solitamente temuto: “Considerando che uno dei rischi più alti per lo sviluppo dell’ipertensione è anche l’aumento di peso che da post-cessazione da fumo – ha spiegato Polosa – il passaggio alle elettroniche può portare ad ulteriori effetti positivi anche nel lungo termine“.

Lo studio, condotto questa volta su pazienti ipertesi che facevano uso regolare di e-cigs, ha consentito di produrre un analisi diversa rispetto a quella realizzata pochi mesi fa dalla squadra di Polosa e da quella del prof. Konstantinos Farsalinos. “Adesso abbiamo il quadro completo – ha spiegato il responsabile scientifico LIAF – non credo sia solo la riduzione del consumo di tabacco a migliorare i dati della pressione arteriosa, c’è di più molto di più. Irituali e le abitudini comportamentali connessi allo svapo possono aiutare i fumatori con ipertensione ad alleviare l’ansia ed il desiderio (di solito associati con l’astinenza da fumo) e questo porta inevitabilmente anche ad una migliore stabilizzazione della pressione sanguigna“.

3,266FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi