11.4 C
Catania
lunedì, 30 Marzo, 2020
Home L'esperto risponde Polmonite lipoidea per chi svapa? Risponde il prof. Polosa

Polmonite lipoidea per chi svapa? Risponde il prof. Polosa

  • Da dove nasce l’idea che svapare possa causare polmonite lipoidea?

“La polmonite lipoidea è una rara malattia respiratoria che può verificarsi dopo l’aspirazione o l’inalazione di materiale oleoso nel polmone. Questo è stato documentato in alcuni casi di persone anziane a cui era stata diagnosticata la malattia in seguito all’ingestione accidentale di lassativi a base di sostanze oleose, come l’olio di vaselina. Non c’è alcun rischio di poter contrarre la polmonite lipoidea tramite lo svapo, semplicemente perché i liquidi disponibili in commercio non contengono materiale oleoso.

Tuttavia, sono venuto a conoscenza di due casi di polmonite lipoidea che alcuni specialisti di malattie respiratorie, prima negli Stati Uniti e poi in Spagna, hanno indicato come diretta conseguenza dello svapo ma, dopo un’attenta revisione di questi casi clinici, ho potuto identificare altre cause più plausibili per la polmonite lipoidea di questi pazienti. Molto probabilmente, infatti, i colleghi specialisti hanno (erroneamente) pensato che l’inalazione di glicerina vegetale, contenuta nel liquido di sigarette elettroniche, poteva essere la causa principale della polmonite, senza però considerare che la glicerina non è una sostanza oleosa bensì un alcool. E l’alcool, per definizione, non può causare polmonite lipoidea”.

 

  • Gli svapatori di tutto il mondo dovrebbero preoccuparsi per la presenza di oli nelle sigarette elettroniche che possono causare polmonite lipoidea?

“La presenza di oli essenziali non è rara in alcuni aromi di liquidi, soprattutto in quelli al gusto di agrumi o mentolo. Tuttavia, bisogna considerare che gli oli essenziali non sono oli in senso stretto; il termine “olio” è improprio in questo caso, poiché gli oli essenziali sono in realtà essenze aromatiche che solo nel caso di specifiche applicazioni (es. prodotti per massaggi) vengono disciolti in un solvente oleoso. Pertanto, nel caso di cocktail casalinghi, va evitato l’uso di oli essenziali per altre applicazioni. Chiaramente, la presenza di oli essenziali può potenzialmente causare irritazioni e ipersensibilità, soprattutto in soggetti particolarmente sensibili. Ma questa è un’altra storia”.

 

  • Gli svapatori devono fare attenzione nel miscelare i liquidi?

“In linea di principio, non consiglio cocktail ‘casalinghi’ di diversi liquidi perché la probabilità di errori e contaminazione aumenta sensibilmente.

In ogni caso, esorto gli utilizzatori di e-cig a fare attenzione che le soluzioni aromatizzate siano prive di materiale oleoso, come ad esempio l’olio vegetale. Ho sentito dire che nelle farmacie vendono oli essenziali per massaggi terapeutici che di per sé non contengono materiale oleoso, ma sono dissolti in solventi oleosi. Questo potrebbe essere un problema perché l’inalazione continua di queste miscele fai da te potrebbe teoricamente portare alla polmonite lipoidea.

 

  • A quali conseguenze può portare la diffusione di una notizia distorta come questa?

“In Spagna, il caso polmonite lipoidea ha ricevuto una tale copertura mediatica che tra gli svapatori di quel Paese si è diffuso il panico da malattie svapo-correlate. Sono stati proprio gli pneumologi spagnoli a condurre una campagna aggressiva contro le sigarette elettroniche e questi due fattori, combinati insieme, hanno contribuito a distruggere l’immagine positiva della e-cig, modificando la percezione dei consumatori da prodotto benefico a prodotto dannoso e determinando di conseguenza anche il collasso del mercato spagnolo di tutto il settore dello svapo”.

 

Valeria Nicolosihttp://www.ilblogchevale.it
Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

1 Commento

  1. ok, però attenzione a non confondere nel cercare di chiarire. Nel primo capoverso si dice infatti:

    “…questo è stato documentato in alcuni casi di persone anziane a cui era stata diagnosticata la malattia in seguito all’ingestione accidentale di lassativi a base di sostanze oleose, come la glicerina. ”

    come si dice correttamente più sotto la glicerina, altro nome glicerolo, non è un olio, ma un alcol

Comments are closed.

3,231FansLike
172FollowersFollow
542FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

APPELLO di LIAF e CoEHAR: Aiutateci ad aiutare i nostri medici

LIAF e CoEHAR, considerato lo stato di emergenza causato dal COVID-19, lanciano un appello per affrontare l’elevato numero di morti e la devastazione che la pandemia sta causando in tutto il mondo, ed in particolare in Italia. Scopri come donare.

Stress e fumo, come affrontare questi giorni in casa?

Per i fumatori, purtroppo, assistiamo ad un aumento della richiesta di prodotti da tabacco combustibili considerate forme di sollievo dallo stress. Smettere definitivamente ma se non si riesce da soli, almeno passate a prodotti a rischio ridotto.

Un anno nello spazio: ora vi spiego come superare l’isolamento

Per Scott Kelly vivere quasi un anno su una navicella spaziale non è stato facile. Stare e “vivere” nello spazio è un’attività che va avanti senza interruzione. Oggi, Scott, ha deciso di condividere con il mondo alcuni suggerimenti perché crede che possano tornare utili considerato che a causa del COVID-19 siamo bloccati all’interno delle nostre abitazioni.  

COVID e fumo: non dimostrata la correlazione con forme gravi di malattia

Oggi è nostro dovere aiutare quei fumatori che, costretti a stare a casa e affetti da stati di ansia maggiori, continuano a fumare o addirittura lo fanno di più. Spaventarli sull'aumento del rischio di contrarre il COVID non è reale ma dire loro che fumare li esporrà a rischi maggiori una volta contratto il virus, si.