martedì, Febbraio 27, 2024
HomeL'esperto rispondeLo svapo incide come il fumo sulla salute dentale?

Lo svapo incide come il fumo sulla salute dentale?

In un’intervista pubblicata su vapingpost.com, il prof. Riccardo Polosa spiega i dati salienti emersi da un studio in merito ai danni del fumo sulla salute dentale e sulla possibilità che l’aspetto del proprio sorriso possa giocare un ruolo fondamentale nell’allontanare i fumatori dalla sigaretta

La salute dentale e l’estetica del sorriso potrebbero rappresentare una motivazione molto forte per spingere i fumatori, soprattutto quelli più giovani, a smettere di fumare o a non approcciare del tutto le sigarette: così il prof. Riccardo Polosa, fondatore del CoEHAR, apre un’intervista pubblicata recentemente in merito ai risultati emersi dello studio “Repeatability of dental shade by digital spectrophotometry in current, former, and never smokers”.

Traduzione dell’articolo originale pubblicato su vapingpost.com

Parlando di recente in occasione del National Smile Month, il dottor Affan Saghir, proprietario di Space Dental, una clinica dentale cosmetica di lusso nel Regno Unito, ha affermato che chiunque desideri mantenere un sorriso sano dovrebbe evitare il tabacco e i prodotti da svapo. E mentre l’effetto dello svapo è ancora discutibile per molti, l’impatto negativo del tabacco combustibile è un fatto ampiamente accettato.

Gli esperti del settore, infatti, sono tutti concordi nel ritenere che i denti dei fumatori siano meno bianchi di quelli dei non fumatori. Uno studio del pluripremiato ricercatore Riccardo Polosa, Professore di Medicina e Fondatore del CoEHAR presso l’Università di Catania, e di Giovanni Zucchelli, Professore di Parodontologia all’Università di Bologna, ha analizzato ulteriormente questo aspetto.

lo studio “Repeatability of dental shade by digital spectrophotometry in current, former, and never smokers” ha esaminato e confrontato le differenze nel colore dei denti tra un gruppo di fumatori e un gruppo di non fumatori. I ricercatori italiani hanno scoperto che in effetti i denti dei fumatori erano significativamente meno bianchi di quelli dei non fumatori.

Contattando il Dr. Polosa per discutere l’argomento, ha spiegato che a suo avviso questo è un buon punto di vista da cui affrontare la cessazione da fumo, poiché l’estetica potrebbe rappresentare, ad oggi, una priorità per i giovani: “Il motivo per cui lo considero importante è perché siamo consapevoli di una narrativa estetica tra i fumatori più giovani… Siamo tutti d’accordo sul fatto che una narrativa basata sull’estetica risuonerebbe in modo convincente tra i giovani fumatori. L’idea di migliorare il bianco dei denti potrebbe guidare migliaia di giovani fumatori lontano dal tabacco combustibile!”

Il prof. Polosa ha riassunto i tre punti cruciali emersi dallo studio:

“1. I risultati dello studio dimostrano che i denti dei fumatori sono significativamente meno bianchi dei denti dei non fumatori. Inoltre, dopo aver smesso di fumare, il bianco dei denti migliora.

2. Le considerazioni estetiche può essere una motivazione molto più convincente per smettere di fumare, soprattutto per i giovani fumatori che percepiscono l’alito cattivo e l’aspetto dei denti (dovuto allo scolorimento e al “catrame”/macchie di tabacco) come problema principale.

3. L’uso della tecnologia di somministrazione di nicotina senza catrame (come ad es. sigarette elettroniche o prodotti a base di tabacco riscaldato) è probabile che migliori l’aspetto del cavo orale (una ricerca internazionale in corso coordinata da CoEHAR fornirà presto risultati definitivi)”.

Un altro studio osservazionale italiano effettuato presso l’Unità di Parodontologia e Igiene Orale della Clinica Calabrodental di Crotone, ha analizzato la salute orale di 110 fumatori appena passati allo svapo. All’inizio dello studio, il 61% nel gruppo 1 e il 65% nel gruppo 2 ha manifestato sanguinamento gengivale; riesaminato alla fine dello studio, rispettivamente il 92% e il 98% non ha manifestato sanguinamento.

Studi che suggeriscono che il vaping ha un impatto negativo sulla salute dentale

Al contrario, all’inizio di quest’anno il CareQuest Institute for Oral Health, un’organizzazione senza scopo di lucro che ha come obiettivo il miglioramento del sistema nazionale sulla salute orale, ha pubblicato un rapporto che suggerisce l’esistenza di diversi rischi per la salute orale associati all’uso di sigarette elettroniche.

Tra questi rischi per la salute, afferma il rapporto, ci sono malattie gengivali, carie dentale, riduzione ossea e lingua villosa. Il documento afferma che i medici devono educare i propri pazienti su questi rischi, tuttavia non confronta i relativi benefici per gli utenti quando passano dal fumo di sigarette alle ecig.

Un altro studio relativamente recente ha indicato che il contenuto di zucchero degli e-liquid può favorire lo sviluppo della carie dentale. Lo studio “A comparison of the caries risk between patients who use vapes or electronic cigarettes and those who do not, è stato pubblicato online sul Journal of the American Dental Association. Analizzando l’associazione tra lo svapo e il possibile rischio di carie, il team di ricerca ha scoperto che i vapers presentano un profilo di rischio maggiore.

Allo stesso modo i dentisti della Carolina del Nord hanno riferito di aver notato un aumento di problemi ai denti e alle gengive tra i giovani che svapano. Questi problemi includono bocca secca cronica e aumento del rischio di carie, gengive doloranti, digrignamento dei denti e carie secondo il dentista Dr. Anbec DeShield-Mayes, proprietario di BestMouth Dental a Greensboro.

“Cerchiamo di aiutarli a reidratare i loro denti”, ha detto DeShield-Mayes. “Diciamo loro di bere molta acqua, lavarsi i denti due volte al giorno, usare il filo interdentale. Queste sono cose che sto vedendo con i miei pazienti e che sto scoprendo essere nuovi “svapatori” o di essere passati recentemente dal fumo allo svapo”.

Mentre un altro studio pubblicato su JAMA Network Open, ha avvertito che le persone che svapano potrebbero essere a rischio di sviluppare malattie gengivali. Intitolato “Tabacco Use and Incidence of Adverse Oral Health Outcomes Among US Adults in the Population Assessment of Tobacco and Health Study”, lo studio ha utilizzato i dati del National Institutes of Health (NIH), per esaminare le associazioni tra l’uso di tabacco combustibile e sistemi di somministrazione elettronica di nicotina (ENDS) e lo sviluppo di problemi di salute orale come le malattie gengivali.

Il team di ricerca ha analizzato i dati sugli intervistati di età pari o superiore a 18 anni, senza storia pregressa di patologie legate alla salute orale. Hanno trovato associazioni tra l’attuale uso di tabacco combustibile con l’incidenza di esiti avversi per la salute orale e anche collegamenti tra l’attuale uso di ENDS e l’incidenza di sanguinamento dopo l’uso dello spazzolino o del filo interdentale.

Anche i dentisti in Australia sono sempre più preoccupati per gli effetti dello svapo sulla salute orale dei loro pazienti in generale. Tra le altre cose, i dentisti in questione hanno menzionato denti macchiati, malattie gengivali, alito cattivo, carie e anche ferite da dispositivi esplosi. Il chirurgo principale Michael Cai del Pitt Street Dental Center ha affermato che l’impatto negativo dello svapo è grave quanto quello del fumo. “Una delle esplosioni è stata così grave che ha rotto due denti anteriori inferiori, è stato piuttosto orribile”, ha detto il dottor Cai. “Il paziente ha finito per dover procedere con impianti dentali e sono costosi.”

Ha aggiunto che alcuni e-liquid contengono componenti che macchiano i denti. “Ad esempio, il sapore di anguria ha una tintura che macchia i denti di rosa”, ha detto. Mentre la portavoce dell’Australian Dental Association Sue Ching-Yeoh ha affermato che l’entità del danno è difficile da misurare.

Diffusione di imprecisioni sullo svapo e sulla salute orale

L’Independent British Vape Trade Association (IBVTA) ha discusso delle imprecisioni di un articolo pubblicato di recente che collega lo svapo alle malattie gengivali. Il quotidiano Times ha recentemente pubblicato un articolo intitolato “Elf bars and me: I am a vaping addict, so will I get gum disease?,”, nella sezione sulla salute. Tra le altre cose, l’autore afferma in modo inesatto che l’uso di un solo vaporizzatore usa e getta equivale all’incirca a consumare la stessa quantità di nicotina contenuta in 45 sigarette. Questo non è nemmeno possibile ha spiegato l’IBVTA.

“I limiti legali del Regno Unito su questi prodotti sono un massimo di 2 millilitri di liquido e 20 milligrammi di nicotina per ml. Cioè 40 mg di nicotina in totale. Dato che il contenuto medio di nicotina di una sigaretta di tabacco è di 10-12 mg, è difficile capire come la giornalista sia arrivata alla sua cifra di 45 sigarette. È più simile a 4.”

L’autore dell’articolo prosegue irresponsabilmente facendo riferimento ad affermazioni infondate fatte da adolescenti nei video sui social media, sostenendo che lo svapo stia causando loro malattie gengivali. La professoressa Linda Bauld, Bruce e John Usher, professore di salute pubblica presso l’Università di Edimburgo, ha risposto al pezzo dicendo che è un “buon esempio di come non scrivere un articolo relativo alla salute e di come non consultare nessuno dal Regno Unito che abbia condotto ricerche su il tema“.

Allo stesso modo, quattro esperti di odontoiatria della School of Dental Sciences dell’Università di Newcastle si sono recentemente espressi contro alcune inesattezze recentemente diffuse da due docenti di scienze dell’alimentazione presso la School of Sport and Health Science della Cardiff Metropolitan University, che hanno recentemente avanzato diverse affermazioni su come lo svapo possa causare danni ai denti.

Il dottor Richard Holliday, la professoressa Elaine McColl, Anthony Weke e Zella Sayeed, hanno pubblicato una lettera sul British Dental Journal dell’Università di Newcastle, spiegando come le affermazioni siano inesatte.

Significativamente, tutti gli enti pubblici del Regno Unito, incluso il NHS, ignorano il consiglio dell’OMS. Supportano lo svapo, sapendo che non erode i denti né porta a malattie gengivali. Hanno detto che vorrebbero “indirizzare i professionisti del settore dentale del Regno Unito alla ben ponderata guida alla salute pubblica che sostanzialmente conclude che, per le migliori possibilità di smettere di fumare, si dovrebbe usare il supporto e la farmacoterapia e che le sigarette elettroniche possono far parte di quel pacchetto”.

Gli esperti hanno spiegato che i due autori hanno citato un poster dell’OMS e hanno affermato erroneamente che la nicotina provoca un “alto rischio di complicazioni per la salute orale e per tutto il corpo“. Quando in realtà, hanno aggiunto, la terapia sostitutiva della nicotina (NRT) è stata utilizzata in modo sicuro sotto forma di cerotti e gomme da oltre 30 anni.

Inoltre, hanno concluso, i professionisti del settore dentale del Regno Unito dovrebbero essere indirizzati verso le linee guida sulla salute pubblica in merito all’argomento. Gli esperti hanno sottolineato che questa guida in realtà afferma che per le migliori possibilità di smettere di fumare, si dovrebbe usare il supporto e la farmacoterapia, aggiungendo che “le sigarette elettroniche possono far parte di quel pacchetto“.

Il contesto è fondamentale

In conclusione, molti medici e professionisti della salute orale, così come esperti di cessazione del fumo, insistono sui benefici relativi dello svapo per quei fumatori che faticano a smettere da soli. Sebbene nessuno contesti il ​​fatto che i non fumatori non dovrebbero iniziare a svapare, data la comprovata relativa sicurezza dei prodotti, il passaggio dal fumo allo svapo riduce i rischi per la salute dei fumatori e migliora la loro salute orale.

Giornalista praticante, collabora con LIAF, dove scrive di salute e attualità. Appassionata di sport, con un passato da atleta agonista di sci alpino, si diletta nell'indagare le nuove frontiere della comunicazione e della tecnologia, attenta alla contaminazione con generi e linguaggi diversi.

Ultimi articoli