11.8 C
Catania
venerdì, Dicembre 4, 2020
Home News Liberarsi dal fumo è possibile? Il seminario online di LIAF ci spiega...

Liberarsi dal fumo è possibile? Il seminario online di LIAF ci spiega come

Il primo seminario online targato LIAF “Liberati dal fumo. Seminario di promozione della salute” è andato in scena martedì 26 maggio.

L’evento, organizzato in partnership con il COEHAR, Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania, ha visto il coinvolgimento di medici, scienziati, psicologisti e giornalisti, che, attraverso dimostrazioni pratiche e teoriche, hanno promossola cultura antifumo da diverse angolazioni.

Rivolgendosi ad un pubblico sia di fumatori che di non fumatori, sono state presentate numerose alternative che ad oggi possono ridurre il danno da tabacco, sensibilizzando io partecipanti sulle implicazioni negative correlate al fumo di sigaretta.

Un evento che ha dato riscontri molto positivi, segnali di un trend positivo crescente di attenzione ai temi legati al mondodella salute.

Il seminario online, moderato da Elisa Manacorda, Direttore Galileo Giornale di Scienza e collaboratrice de “La Repubblica”, si è aperto con un’intervista al Prof. Riccardo Polosa, fondatore del COEHAR, circa la riduzione del danno e l’indipendenza scientifica.

L’evento ha visto la partecipazione di speaker provenienti dai più diversi ambiti: Il Prof. Pasquale Caponnetto e la Dr.ssa Marilena Maglia, del Centro Antifumo del Policlinico di Catania, hanno trattato il tema del counselling.

Il Prof. Sebastiano Battiato, Project Leader di FoodRecognition, ha analizzato le tecnologie che permettono di supportare i percorsi di smoking cessation.

Il Dr. Antonio Pacino, odontoiatra, ha spiegato le conseguenze del fumo di sigaretta sul cavo orale e le patologie che ne conseguono.

Il Prof. Massimo Caruso, Co-Project Leader del progetto del COEHAR Replica, ha chiariuto quali alimenti possono supportare la scelta di abbandonare il vizio del fumo, per particolari proprietà organolettiche.

La parte pratica è stata condotta dal Dr. Carlo Maria Bellanca ricercatore LIAF e medico, che attraverso una dimostrazione sperimentale ha ricreato le conseguenze del fumo sull’organismo.

Nonostante il particolare momento che stiamo vivendo, la risposta al seminario è stata molto incoraggiante. Per tutti coloro che si sono persi la diretta, il video dell’evento è disponibile al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=LRU_NGj4lD8

3,271FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

L’SRNT PREMIA IL COEHAR, ATTESO AL MEETING ANNUALE SRNT 2021

Il centro di ricerca catanese tra le eccellenze selezionate per l’edizione dell’evento annuale che, per quest’anno, si svolgerà online dal 24 al 27 febbraio

COVID-19 E SIGARETTA ELETTRONICA: ESISTE UN RISCHIO CONNESSO?

Svapare aumenta le percentuali di rischio di trasmissione dell’infezione da SARS-Cov-2 a causa delle piccole particelle emesse durante l’esalazione dell'aerosol delle sigarette elettroniche? Per rispondere a questa domanda, il CoEHAR, Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania, in collaborazione con l’Istituto di Scienze Nucleari di Città del Messico e la MyriadPharmaceuticals di Auckland, ha valutato le possibilità che le particelle emesse durante lo svapo possano aumentare il rischio di contagio da coronavirus.

Fumo e pandemia: come combattere l’abitudine?

Mentre la seconda ondata di infezione da Covid-19 colpisce il mondo e un nuovo lockdown è in vista, aumentano anche le tensioni psicologiche sulle persone. Cosa abbiamo imparato dalla pandemia da un punto di vista psicologico?

VAPING: Lo studio che dimostra come l’esperienza sensoriale aiuta a smettere di fumare

Il vaping vince dove le terapie ufficiali hanno fallito. Ma qual è il segreto del suo successo? Questo si sono chiesti i ricercatori DiPiazza, Caponnetto, Askin, Christos, Maglia, Gautam, Roche e Polosa. Il frutto di tale ricerca è stato appena pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale Harm Reduction Journal.