22.2 C
Catania
martedì, Luglio 14, 2020
Home News Liberarsi dal fumo è possibile? Il seminario online di LIAF ci spiega...

Liberarsi dal fumo è possibile? Il seminario online di LIAF ci spiega come

Il primo seminario online targato LIAF “Liberati dal fumo. Seminario di promozione della salute” è andato in scena martedì 26 maggio.

L’evento, organizzato in partnership con il COEHAR, Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania, ha visto il coinvolgimento di medici, scienziati, psicologisti e giornalisti, che, attraverso dimostrazioni pratiche e teoriche, hanno promossola cultura antifumo da diverse angolazioni.

Rivolgendosi ad un pubblico sia di fumatori che di non fumatori, sono state presentate numerose alternative che ad oggi possono ridurre il danno da tabacco, sensibilizzando io partecipanti sulle implicazioni negative correlate al fumo di sigaretta.

Un evento che ha dato riscontri molto positivi, segnali di un trend positivo crescente di attenzione ai temi legati al mondodella salute.

Il seminario online, moderato da Elisa Manacorda, Direttore Galileo Giornale di Scienza e collaboratrice de “La Repubblica”, si è aperto con un’intervista al Prof. Riccardo Polosa, fondatore del COEHAR, circa la riduzione del danno e l’indipendenza scientifica.

L’evento ha visto la partecipazione di speaker provenienti dai più diversi ambiti: Il Prof. Pasquale Caponnetto e la Dr.ssa Marilena Maglia, del Centro Antifumo del Policlinico di Catania, hanno trattato il tema del counselling.

Il Prof. Sebastiano Battiato, Project Leader di FoodRecognition, ha analizzato le tecnologie che permettono di supportare i percorsi di smoking cessation.

Il Dr. Antonio Pacino, odontoiatra, ha spiegato le conseguenze del fumo di sigaretta sul cavo orale e le patologie che ne conseguono.

Il Prof. Massimo Caruso, Co-Project Leader del progetto del COEHAR Replica, ha chiariuto quali alimenti possono supportare la scelta di abbandonare il vizio del fumo, per particolari proprietà organolettiche.

La parte pratica è stata condotta dal Dr. Carlo Maria Bellanca ricercatore LIAF e medico, che attraverso una dimostrazione sperimentale ha ricreato le conseguenze del fumo sull’organismo.

Nonostante il particolare momento che stiamo vivendo, la risposta al seminario è stata molto incoraggiante. Per tutti coloro che si sono persi la diretta, il video dell’evento è disponibile al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=LRU_NGj4lD8

3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi