13 C
Catania
mercoledì, Maggio 27, 2020
Home News La conseguenza del lockdown in Francia? Più sigarette per i fumatori

La conseguenza del lockdown in Francia? Più sigarette per i fumatori

Secondo uno studio pubblicato dalla Sanità pubblica francese (Santé publique France), i cittadini francesi hanno fumato di più durante il lockdown.

Per scoprirlo, lo studio in oggetto, avviato già nelle prime fasi del lockdown, ha seguito la popolazione francese per monitorarne i comportamenti.

L’aumento medio del numero di sigarette fumate dai fumatori quotidianamente (94% dei fumatori intervistati) è di 5 sigarette al giorno, l’aumento del consumo di tabacco è più frequente nei fumatori tra i 25 e i 34 anni (41%), e infine i lavoratori che lavorano a casa e che hanno subito lo stress da lockdown (37%).

In compenso, un quarto dei cittadini in Francia ha diminuito il consumo di alcol.

L’aumento del consumo di alcol è menzionato da persone di età inferiore ai 50 anni (tra il 14% e il 17% a seconda della fascia di età), individui che vivono in una città di oltre 100.000 abitanti (13% contro 9% degli abitanti di agglomerati con meno di 100.000 abitanti) e genitori di bambini di età inferiore ai 16 anni (18% rispetto all’8% degli intervistati senza bambini di età inferiore ai 16 anni).

Note Viêt Nguyen Thanh, coordinatore dell’unità dipendenze nel dipartimento di prevenzione e promozione della salute di Public Health France, ha dichiarato:

La noia, la mancanza di attività, lo stress e il piacere sono i motivi principali citati dai fumatori o dai consumatori di alcolici che ne hanno aumentato il consumo. Si noti inoltre che l’aumento sia del tabacco che dell’alcool è correlato al rischio di ansia e depressione.

Sin dall’inizio del lockdown, la Sanità pubblica della Francia ha messo a disposizione diversi sistemi di assistenza sanitaria per fornire informazioni e supporto legati al tabagismo e all’alcolismo per tutti coloro che ne avesse bisogno, ma lo stress generato dalla situazione ha fatto sì che la necessità di ricorrere a tali servizi si avvertisse meno.

Tra le conseguenze delle misure restrittive di contenimento del virus, i cittadini francesi si sono diretti verso Perthus, città francese sul confine con la Spagna, per acquistare prodotti a base di tabacco presso i rivenditori spagnoli, che vendono a un prezzo inferiore rispetto le tabaccherie francesi.

Quello che sappiamo è che purtroppo il lockdown da Covid-19 ha portato molti fumatori ad aumentare il consumo quotidiano di tabacco. Il fine dei tanti sondaggi svolti in questo periodo è quello di carpire più dati possibili per valutare il comportamento dei tab agisti e impostare programmi di smoking cessation validi anche in situazioni critiche.

3,265FansLike
208FollowersFollow
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

Catania Conversation: il CoEHAR promuove una Master Class online

Catania Conversation CC è il nuovo progetto portato avanti dal Centre of Excellence for the acceleration of Harm Reduction (CoEHAR).

Giovanni Li Volti presenta il CoEHAR alla Scuola Superiore di Catania

Giovedì 28 maggio 2020, ore 18:00, il prof. Giovanni Li Volti direttore del CoEHAR, presenterà il CoEHAR alla Scuola Superiore di Catania.

Immunità di Gregge: non facile da raggiungere per uno studio francese

Una nuova ricerca condotta su allievi, insegnanti e staff di una scuola superiore in Francia ha preso in esame i casi di infezione da coronavirus e conseguente quadro clinico da COVID-19, per chiarire le tempistiche necessarie per poter parlare di immunità di gregge

La conseguenza del lockdown in Francia? Più sigarette per i fumatori

Secondo uno studio rilasciato dalla Sanità Pubblica francese (Santé publique France), il 27% dei fumatori ha aumentato il numero di sigarette fumate ogni giorno