18 C
Catania
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home News ISPM - la scuola per Project Manager in ambito clinico promossa dal...

ISPM – la scuola per Project Manager in ambito clinico promossa dal CoEHAR di Unict riparte per la sua seconda edizione

I numeri della prima edizione della ISPM, International Summer School on Project Management del Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania, avevano già lasciato intendere che sarebbe stata un successo. Quindici giovani project manager nel 2019, arrivati da più di 10 Paesi diversi, due contratti di collaborazione in corso, una community attiva ogni giorno sui temi del project management e tre progetti già al vaglio di grandi aziende del settore. Su queste basi, la seconda edizione di ISPM non poteva non partire con numeri raddoppiati. 

Su 140 domande di partecipazione arrivate da più di 40 Paesi diversi, sono stati selezionati quest’anno 30 partecipanti provienienti da tutto il mondo. Vista la pandemia di COVID-19 che rende ancora poco agevoli gli spostamenti, l’edizione 2020 è stata posticipata a Marzo 2021 ma la lezione inaugurale si terrà on-line Giovedì 8 ottobre alle ore 14 e vedrà la partecipazione degli studenti, dei docenti e di tutti i partner istituzionali. 

Per l’Ateneo, ad aprire i lavori ci sarà la prof.ssa Vania Patanè, Pro-Rettore dell’Università degli Studi di Catania. Con lei anche il direttore del CoEHAR, prof. Giovanni Li Volti; il suo fondatore, prof. Riccardo Polosa ed il coordinatore di ISPM, dott.ssa Daniela Saitta.  

Durante l’evento, due ex studenti, Hesham Nasr e Marta Mangione, racconteranno della loro esperienza lavorativa iniziata grazie a ISPM nel 2019.  

Lezione Inaugurale 

Programma 

Intervento delle Istituzioni accademiche

Testimonials di ISPM 2019: Hesham Nasr e Marta Mangione (Project Managers)

Docenti ISPM

  • Daniela Saitta (CoEHAR – Coordinatore di ISPM)
  • Giacomo Franco (PMI- SIC, Project Management Institute Southern Italy Chapter)
  • Edoardo Grimaldi (PMI- SIC, Project Management Institute Southern Italy Chapter)
  • Paolo Fidelbo (PMI- SIC, Project Management Institute Southern Italy Chapter)
  • Rosario Faraci (Professore Ordinario presso l’Università degli Studi di Catania)
  • Lorenzo Vetrano (Agile Coach, Bax Energy)
  • Denise Stevens (Presidente e fondatrice di Matrix Population Health Strategies)
  • Axel Klein (Research Fellow, Global Drug Policy Observatory)

Presentazione degli studenti ISPM

Usha Rani (India), Giada Li Calzi (Italia), Nicola Pizzichillo (Italia), Ankit Parolia (India), Andrea Amenta (Italia), Margarita Flores (Guatemala), Joseph Magero Omoto (Kenya), Zubair Malik (Pakistan), Kishore Kumar Subramanian (India), Anela Plescan (Romania), Manpreet Kaur (India), Nadia Angelska (Bulgaria), Vesara Ardhe Gatera (Indonesia), Maria Paula Oshio Mariano (Brasile), Olatunji Uche (Nigeria), Hubert Put (Polonia ), Maciej Sobczyk (Polonia), Silvia Boffo (USA), Alba Corina Romeo (El Salvador), Maria Ahmed Qureshi (Pakistan), Viktoria Kostova (Bulgaria), Bonifacio Monti (Italia), Vincent Makwiti (Malawi), Nwaka Mwambene (Malawi), Alaa Ben Abdallah (Tunisia), Husam Rajab (Palestina), Walid Ihadjadjen (Algeria), Slobodanka Kostic (Bosnia ed Erzegovina), Vanessa Susana Gonçalves da Cunha (Portogallo), Clara Vieira (Portogallo)

3,278FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Medici ed ecig: in quanti consigliano i dispositivi a rischio ridotto?

Il mondo della smoking cessation comprende soluzioni diverse, nate con il comune scopo di aiutare i fumatori ad uscire per sempre dalla...

DATI INCORAGGIANTI SULLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS A TROINA

Nell’indagine su base volontaria, sono stati coinvolti 1312 cittadini, distribuiti per sesso ed età e pari a circa il 14% del totale degli abitanti, mentre per l’Istituto Oasi 474 dipendenti pari a circa il 70% degli operatori attivi. Dai risultati è emerso che dei 1312 volontari, solo 26 (il 2%) sono venuti a contatto con il virus, mentre tra i dipendenti dell’Istituto Oasi sono state rilevate 71 positività su un totale di 474 operatori sanitari sottoposti al test (il 15%).

Australia: l’Università del Queensland presenta un piano radicale per eliminare il fumo

Gli studi condotti dall’Università del Queensland hanno affermato che la prevalenza di fumo in Australia è di poco inferiore al 15 per cento, ma è necessaria una tabella di marcia dettagliata per ridurre tale cifra a zero. Tra le proposte dello stato australiano, la più audace sembrerebbe quella proveniente dal Centre for Research Excellence on Achieving the Tobacco Endgame (CREATE) che suggerisce di ridurre il numero di rivenditori di tabacco e di limitare le vendite a particolari punti vendita come le farmacie.

University of East Anglia: ecig meglio di cerotti e gomme per smettere di fumare

Una ricerca recente aggiorna i dati della Cochrane Review del 2016, aumentando i numeri degli studi considerati che confermano l’efficacia delle ecig nei percorsi di smoking cessation