29.3 C
Catania
sabato, Giugno 19, 2021
HomeNewsIn occasione della Giornata mondiale contro il fumo, la Foundation for a...

In occasione della Giornata mondiale contro il fumo, la Foundation for a Smoke Free World esorta i fumatori a smettere o passare a prodotti per la riduzione del danno

NEW YORK, 28 maggio 2021 – A più di 30 anni dalla prima Giornata mondiale senza tabacco, ci sono ancora 8 milioni di decessi annuali attribuiti al consumo di tabacco e più di 1 miliardo di tabagisti nel mondo a riprova che fino ad oggi le politiche sanitarie non sono state adeguate. Le sfide che i fumatori devono affrontare quando cercano di smettere sono state ampiamente ignorate. Gli appelli e gli interventi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) affinché i fumatori smettano di fumare si sono rivelati abbastanza inefficaci e suggeriscono che abbiamo bisogno di nuovi approcci. L’innovazione tecnologica, sotto forma di riduzione del danno, offre una nuova via da seguire per i fumatori ed integra i classici sforzi per smettere di fumare.

In questo WNTD (31 maggio), la Fondazione esorta i fumatori adulti a impegnarsi a smettere di fumare le sigarette convenzionali e a masticare prodotti orali da tabacco e passare a una gamma crescente di alternative meno dannose a base di nicotina.

Dal mio coinvolgimento nel primo WNTD nel 1988, ci siamo concentrati sulla cessazione, spesso coinvolgendo i fumatori nello sviluppo di alternative per loro maggiormente efficaci. Troppe iniziative sono fallite solo perché non hanno considerato come molti fumatori nonostante vogliano smettere, non hanno opzioni che li attraggono a farlo“, ha dichiarato Derek Yach, Presidente della Foundation for a Smoke-Free World.Ci sono sempre più evidenze sull’efficacia di una vasta gamma di prodotti- tra cui le sigarette elettroniche, il tabacco da fiuto, i prodotti da tabacco riscaldato- che possano aiutare i fumatori a smettere o a ridurre sostanzialmente il loro consumo di sigarette combustibili. L’OMS, sostenuta da enti come quello di Bloomberg Philanthropies, finanziati con ingenti fondi, continua a ignorare le prove scientifiche, denigrando questi prodotti invece di promuoverne l’uso per salvare vite umane“.

In uno studio sul fumo di tabacco a livello globale pubblicato questa settimana su The Lancet, gli autori affermano: “Il controllo del tabacco è insufficiente in molti paesi del mondo” e “sono necessarie politiche basate sulle prove scientifiche per ridurre l’incidenza del fumo“. Tuttavia, non menzionano mai un ruolo per i prodotti per la riduzione del danno da tabacco (THR) come parte della politica di controllo del tabacco. Yach ha aggiunto: “Questo studio è stato finanziato da Bloomberg Philanthropies, che non supporta l’uso di prodotti THR come ausili per la cessazione. Questo è probabilmente uno dei motivi per cui non sono stati inclusi nel rapporto. Negare il valore e i benefici dei prodotti THR è irresponsabile e sminuisce sfacciatamente la ricerca che dimostra invece come possano essere efficaci nell’aiutare i fumatori a smettere”.

Il Royal College of Physicians (RCP) ha recentemente pubblicato un report sul Regno Unito, Smoking and health 2021: A coming age for tobacco control? a 60 anni dalla pubblicazione del primo rapporto al mondo sulla correlazione tra fumo e salute. L’RCP stima che se le politiche di riduzione del danno che sostenevano nel 1962 fossero state adottate, oggi non ci sarebbero più fumatori nel Regno Unito. Il nuovo studio chiede quindi ai medici di svolgere un ruolo più attivo nell’aiutare i loro pazienti tabagisti. RCP sostiene inoltre come “ la responsabilità per il trattamento dei fumatori spetta al medico che li cura e che il nostro NHS dovrebbe fornire interventi sistematici predefiniti“. L’RCP raccomanda quindi al governo britannico di investire in campagne mediatiche per sollecitare i fumatori a passare dalla sigaretta convenzionale alle sigarette elettroniche, meno dannose. I governi e i medici di tutto il mondo dovrebbero prestare attenzione ai loro consigli.

Un nuovo rapporto di BOTEC Analysis, una società di ricerca e consulenza in materia di politiche pubbliche, rileva che la disponibilità di sistemi alternativi regolamentati di rilascio della nicotina come le sigarette elettroniche e i prodotti del tabacco riscaldati (PTR), combinati con gli sforzi tradizionali di controllo del tabacco come le tasse sul tabacco , leggi antifumo e servizi per smettere di fumare, hanno contribuito a ridurre i tassi di fumo in diversi paesi. Il rapporto intitolato Investigating the drivers of smoking cessation: A role of alternative nicotine delivery systems ?, esamina le politiche in cinque paesi che sono stati a lungo considerati leader internazionali nel controllo del tabacco: Regno Unito, Canada, Australia, Corea del Sud e Giappone .

I principali risultati del BOTEC hanno presentato risultati interessanti nazione per nazione, tra cui:

Regno Unito: leader nel controllo del tabacco, il paese ha aiutato in modo proattivo i fumatori a passare alle sigarette elettroniche, che hanno dimostrato di essere più sicure del 95%. Sebbene il paese abbia imposto costi per l’acquisto di tabacco tra i più alti al mondo, il governo ha scelto di non tassare le sigarette elettroniche come prodotti del tabacco, rendendole meno costose. L’accesso alle sigarette elettroniche regolamentate sembra supportare anche i servizi per smettere di fumare.

Canada: dopo l’introduzione delle sigarette elettroniche nel 2018, c’è stato un calo significativo delle vendite di tabacco convenzionale. Poiché normative rigorose e prezzi più elevati si applicano più alle sigarette tradizionali che alle sigarette elettroniche, le tariffe per il fumo e gli acquisti di tabacco sono crollati, soprattutto tra i giovani canadesi. Tuttavia, il paese potrebbe essere pronto a invertire questi successi con proposte di regolamenti che implementerebbero una nuova tassa sulle sigarette elettroniche e limiterebbero il contenuto di nicotina degli e-liquid.

Australia: il paese è riuscito a incentivare la cessazione con una combinazione di avvertenze sanitarie, aumenti delle tasse e campagne pubblicitarie efficaci. Il governo ha implementato divieti de facto sui prodotti per la riduzione del danno, ma molti australiani continuano a utilizzare sigarette elettroniche contrabbandate e non regolamentate, segnalando il desiderio di smettere o ridurre il fumo.

Corea del Sud: il paese ha più di 250 centri sanitari pubblici che forniscono servizi clinici completi, tra cui consulenza, prescrizione di farmaci, terapia sostitutiva della nicotina e follow-up di messaggi di testo/e-mail. In 6 mesi, più di 800.000 fumatori maschi adulti hanno utilizzato queste cliniche con una percentuale stimata di abbandono della sigaretta convenzionale del 46,8%. Nonostante la posizione di disapprovazione del governo sudcoreano nei confronti delle Ecig, sia le sigarette elettroniche che i prodotti a tabacco riscaldato sembrano favorire la cessazione.

Giappone: sebbene il Giappone abbia imposto un’accisa sulle sigarette e vietato le sigarette elettroniche contenenti nicotina, i prodotti a tabacco riscaldato (PTR) sono ampiamente disponibili e sempre più popolari. Inoltre, la diffusione degli PTR sembra essere causalmente associata a una riduzione della domanda di sigarette combustibili. Tuttavia, una mancanza di distinzione normativa tra prodotti a tabacco riscaldato e sigarette combustibili sembra limitare il numero di fumatori che passano all’uso esclusivo, quindi il loro effetto sulla cessazione può essere attenuato, riducendo così il potenziale dei PTR per aiutare a smettere di fumare.

BOTEC Analysis è uno dei tanti beneficiari della Foundation for a Smoke-Free World che stanno guidando la ricerca al fine di scoprire nuove soluzioni per combattere questa epidemia di salute globale. La Fondazione collabora con altre organizzazioni non profit e governative per promuovere la scienza della cessazione del fumo e della riduzione del danno. La Fondazione sostiene anche lo sviluppo di prodotti e metodi alternativi che possono ridurre i rischi per la salute di un fumatore e aiutarlo a smettere del tutto di fumare.

Alla luce del miliardo di tabagisti che continuano a fumare, si può presumere che il mondo abbia fatto pochi progressi dalla prima WNTD tre decenni fa. Eppure, dal punto di vista scientifico e tecnologico, stiamo assistendo ad un profondo cambiamento. Come risultato della ricerca e dello sviluppo tecnologico, ora disponiamo di prodotti per la riduzione del danno che potrebbero porre fine alle morti e alle malattie causate dal tabacco. Tuttavia, l’innovazione si traduce in vite salvate solo quando i fumatori hanno accesso all’intera gamma di opzioni di cessazione e riduzione del danno. Così, nello stesso modo in cui la Fondazione invita i fumatori a smettere, invita anche i responsabili delle politiche e i medici ad abbracciare gli strumenti che li aiuteranno a farlo.

3,421FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli