27.9 C
Catania
mercoledì, Luglio 8, 2020
Home Iniziative La sigaretta elettronica non fa venire il cancro

La sigaretta elettronica non fa venire il cancro

Si muore per il catrame non per la nicotina ed è per questo che le sigarette elettroniche non fanno venire il cancro” – ha aperto cosi il suo intervento nell’Istituto Clinico Humanitas di Milano il prof. Riccardo Polosa.

Nell’ambito dei Grand Rounds Humanitas Cancer Center, una serie di incontri tematici che proprio il tempio dell’oncologia nazionale sta promuovendo nella stessa sede e che sono rivolti a medici ed esperti di oncologia si è tenuta la Lecture dal titolo: “Nuove prospettive nella lotta al tabagismo e gestione delle malattie correlate: focus su sigarette elettroniche e riduzione del danno“.

Al tavolo dei relatori il Prof. Riccardo Polosa direttore del CoEHAR – Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università di Catania ed il Prof. Francesco Blasi dell’Università di Milano. A moderare la discussione, il prof. Marco Alloisio, Responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia Toracica di Humanitas.

Polosa e Blasi sono noti per le loro differenti posizioni sui rischi legati all’uso delle elettroniche. Per il prof. milanese: “il loro impiego per la cessazione del fumo è problematico e non sono noti i danni a lungo termine”.

Ciononostante, l’apertura al dibattito e le evidenze presentate dal prof. Polosa hanno suscitato l’interesse non solo del prof. Blasi ma anche della numerosa platea intervenuta.

Che il fumo causi il cancro è ormai stato dimostrato da centinaia di prove scientifiche e studi di laboratorio. La domanda che oggi gli scienziati invece si pongono è questa: può esserci correlazione anche tra vaping e cancro? No. La risposta dei più importanti scienziati è ancora negativa.

Tutti concordano sulla ormai dimostrata riduzione del danno da fumo a cui si può arrivare passando all’utilizzo di sigarette elettroniche ma l’acceso dibattito internazionale e la diffusione di notizie allarmanti e non totalmente veritiere continua a suscitare dubbi e controversie.

Secondo il prof. Riccardo Polosa: “È improbabile che le elettroniche possano sollevare problemi di salute significativi in normali condizioni d’uso. Gli ex fumatori e i fumatori che intendono svapare hanno il diritto sacrosanto di essere informati correttamente sui reali rischi residui e sui potenziali benefici che possono arrivare dal’utilizzo di dispositivi meno dannosi. Oggi è davvero necessario un approccio spassionato alla ricerca sulla riduzione del danno – ha concluso lo scienziato – dobbiamo smettere sia di minimizzare il rischio relativo sia di esagerare i rischi assoluti“.

Valeria Nicolosihttp://www.ilblogchevale.it
Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.
3,267FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi

Australia: perché svapare dovrebbe essere più semplice?

Secondo un interessante articolo pubblicato di recente sul quotidiano australiano The Sydney Morning Herald, il Ministro della Salute Greg Hunt avrebbe annunciato...