11.4 C
Catania
mercoledì, Aprile 8, 2020
Home L'esperto risponde Fai anche tu la tua domanda al prof: ADESSO PUOI!

Fai anche tu la tua domanda al prof: ADESSO PUOI!

Da oggi ricevere risposte ai vostri dubbi su come smettere di fumare è davvero semplice

Con la nuova sezione L’ESPERTO RISPONDE, il team del prof. Riccardo Polosa è a vostra completa disposizione per rispondere alle domande più frequenti, per ricevere osservazioni, suggerimenti o consigli e per partecipare con voi attivamente alla quotidiana lotta contro il fumo nel mondo.

Se anche hai domande alle quali vorresti subito risposta scrivi email a: info@liafmagazine.it

 


In questa sezione abbiamo raccolto per voi le domande che vengono poste più spesso al prof. Polosa da parte di negozianti, medici e utenti interessati allo svapo.

 

  • Ad una mia cliente, da quando svapa ( ovvero da circa 1 anno ), capita spesso di avere attacchi di ansia che si trasformano quasi in attacchi di panico. Può dipendere dalla nicotina?

Si, quando il suo dosaggio è insufficiente in soggetti predisposti. Mi spiego. La nicotina non scatena attacchi di ansia, piuttosto è vero il contrario. La nicotina modula il tono dell’umore e per alcune persone è utile nel controllare gli stati di ansia e depressione. Dato che il grado di efficienza in termini di erogazione di nicotina è per la e-cig di molto inferiore rispetto alla sigaretta convenzionale, è possibile che da quando la sua cliente ha iniziato a svapare non ha più assunto la dose di nicotina alla quale era abituata e che le permetteva un buon controllo dei sintomi di ansia.

 

  • Quali possono essere le differenze per la salute degli utilizzatori tra le e-cig classiche tipo ego e i nuovi dispositivi commercializzati dalle industrie del tabacco che usano “cialde” di tabacco riscaldato?

Attualmente non esistono studi di confronto diretto tra vaporizzatori di liquido elettronico e le cosidette “heat no burn”. Pertanto una risposta basata su evidenze non è possibile. Tuttavia, la conoscenza che ho dei dati tossicologici dei due prodotti mi porta a ipotizzare che le “heat no burn” – sebbene siano sostanzialmente meno tossiche rispetto alle sigarette convenzionali – rimangono in linea teorica meno sicure rispetto ai vaporizzatori di liquido elettronico.

 

Valeria Nicolosihttp://www.ilblogchevale.it
Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.
3,240FansLike
175FollowersFollow
539FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

ATTIVO NUMERO NAZIONALE  DI ASSISTENZA PSICOLOGICA GRATUITA PER LE PERSONE COLPITE  DALL’EMERGENZA CORONAVIRUS

LIAF Lega Italiana Antifumo, grazie al supporto tecnico ed alla collaborazione con Netith, azienda leader di mercato nella Costumer Experience, ha deciso di rispondere a queste richieste attivando un servizio telefonico di assistenza psicologica gratuita disponibile tutti i giorni dalle 8 alle 20 al numero: 0952292444.

Il Prof. Polosa fa chiarezza sul tempo di sopravvivenza del Coronavirus su pareti e superfici

Gli autori dell’articolo riportano che il virus possa rimanere vitale sulle superfici sino a un massimo di 3 giorni. Secondo Polosa, sono davvero troppi.

Smartphone e COVID-19: il limite tra privacy e necessità

Dalla Cina all'Europa, numerose sono le soluzioni proposte per monitorare e contrastare l'emergenza da COVID-19, utilizzando gli smartphone o i dispositivi indossabili. Ma esiste un limite?

Questionario COVID per fumatori e non, svapatori e non

Pochi minuti del vostro tempo saranno necessari per aiutare i ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo a trovare le risposte per combattere il #COVID.