30.1 C
Catania
sabato, Luglio 11, 2020
Home Comunicati stampa Comitato Europeo di Normazione: il prof. Riccardo Polosa eletto presidente del gruppo...

Comitato Europeo di Normazione: il prof. Riccardo Polosa eletto presidente del gruppo di lavoro sugli standard per le emissioni delle e-cig

Bruxelles – Eletto ieri Presidente di un gruppo di lavoro che riunisce cinquanta esperti europei, il prof. Riccardo Polosa inizia da oggi una nuova battaglia all’interno del Comitato Europeo di Normazione (European Committee for Standardization – CEN). Nella capitale belga si è infatti appena concluso – presso la sede CEN – il secondo meeting del tavolo tecnico CEN/TC 437 “Electronic cigarettes and e-liquids” che ha il compito di sviluppare standard tecnici di qualità e sicurezza per la produzione e la vendita di sigarette elettroniche in Europa in accordo con la Direttiva 2014/40/EU.

Al tavolo tecnico erano presenti le delegazioni degli organi di normazione nazionali di 16 paesi europei, tra cui UNI per l’Italia, rappresentata dal prof. Riccardo Polosa (capo delegazione – Università di Catania) e da Andrea Puglisi (Japan Tobacco International).

Il primo importante passo avanti, in vista dell’imminente adozione della Direttiva Europea sul Tabacco da parte degli Stati Membri dell’UE, è stato l’approvazione di un piano d’azione comune che prevede:

1. L’elaborazione e adozione di una terminologia comune per armonizzare i documenti normativi per standard di qualità e sicurezza;
2. La definizione delle priorità per i gruppi di lavoro dedicati allo sviluppo degli standard di produzione, sicurezza, e qualità;
3. La approvazione di standard sulle etichettature e le informative relative agli ingredienti presenti nei liquidi, per una corretta informazione del consumatore;
4. Lo sviluppo di metodologie dei test di laboratorio da adottare per la misurazione qualitativa e quantitativa dei vapori emessi dalle e-cig.

Per far ciò sono stati costituiti quattro distinti gruppi di lavoro all’interno del CEN/TC 437 a cui è seguita la nomina dei rispettivi Presidenti. Per il gruppo di lavoro europeo sullo sviluppo di requisiti e test per le emissioni provenienti dalle sigarette elettroniche, è stato eletto quasi all’unanimità l’italiano Riccardo Polosa, che si troverà dunque a dover coordinare il lavoro di una cinquantina di esperti da tutta Europa per l’elaborazione dei test tossicologici sulle emissioni provenienti dall’aerosol delle sigarette elettroniche e la definizione dei relativi standard di qualità e sicurezza.

Sono lusingato del risultato di questa votazione ed orgoglioso di rappresentare in questa sede l’ateneo catanese – ha commentato Polosa – si tratta di una grande responsabilità che porterò avanti con tutto l’impegno possibile. Lavorerò affinché le attività di standardizzazione siano più razionalizzate ma al primo posto ci sarà sempre il rispetto per la salute e la soddisfazione dell’utilizzatore finale”.

 

IMG_0177

 

Scarica il comunicato stampa in PDF

4 Commenti

Comments are closed.

3,266FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi