22.4 C
Catania
sabato, Luglio 11, 2020
Home Iniziative Catania Conversation: il CoEHAR promuove una Master Class online

Catania Conversation: il CoEHAR promuove una Master Class online

Catania 22 Maggio 2020 Catania Conversation CC è il nuovo progetto portato avanti dal Centre of Excellence for the acceleration of Harm Reduction (CoEHAR) che mette insieme Giornalisti, Scienziati e Opinion Leaders di tutte le parti del mondo esperti nella riduzione dei danni del fumo e nella comunicazione scientifica.

“CC” è l’acronimo del progetto che ha sviluppato una piattaforma online dedicata ad una rete internazionale di specialisti in tabagismo, ricerca, salute e comunicazione. L’obiettivo è rendere la piattaforma gestita dal team catanese un luogo di condivisione e selezioni di notizie inerenti la ricerca sulla riduzione del danno da fumo.

Numerose ricerche hanno dimostrato che per smettere di fumare sono disponibili alternative meno dannose alle sigarette convenzionali, ma i quadri normativi e l’opinione pubblica hanno spesso forti dubbi a riguardo. In alcuni casi, le lobby deliberatamente diffondono informazioni sbagliate e non scientifiche ad un pubblico ignaro di ciò.

La scena stessa del controllo del tabacco è multiforme, questa comprende coltivatori, commercianti, lavoratori, industrie e, naturalmente, i settori più visibili del prodotto stesso. Ognuno ha una storia da raccontare.

In tutti i casi queste storie sono specchio dello sviluppo e dell’economia dei paesi. Dalle vistose sigarette elettroniche, allo snus, passando anche per i cerotti, la storia del tabacco raramente delude i media.

In un momento così complesso per la comunità scientifica internazionale, peraltro, impegnata su più fronti a trovare cure e soluzioni per combattere la diffusione del COVID, Catania Conversation vuole essere un supporto concreto per trovare e selezionare le notizie basate su evidenze scientifiche validate da autorevoli esperti del mondo della scienza e della salute pubblica.

Catania Conversation ha le stesse funzionalità di una agenzia di selezione di notizie, con la produzione di lanci e la diffusione di comunicati stampa. Al suo interno, uno staff di giornalisti di tutto il mondo. 

Per presentare la piattaforma, in occasione della Giornata Mondiale Antifumo 2020, il 29 Maggio dalle ore 15 alle 18, il CoEHAR promuove una Master class online con ospiti d’eccellenza e partecipanti selezionati dalle più influenti testate giornalistiche al mondo.

Sia la salute pubblica che il giornalismo sono beni pubblici. Devono essere verificati pubblicamente e accettati. L’unico modo per contrastare la disinformazione è iniettare la responsabilità nelle informazioni raccolte e diffuse ad ogni livello: dalla ricerca di giornalisti alle redazioni, agli editori e infine ai lettori e ai consumatori di notizie.

Clicca qui per entrare a far parte della community!

3,266FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi