30.1 C
Catania
sabato, Luglio 11, 2020
Home Iniziative World No Tobacco Day 2019

World No Tobacco Day 2019

Si avvicina il World No Tobacco Day 2019 e come ogni anno il 31 Maggio sarà Stop Smoking, la giornata che incoraggia i fumatori ad astenersi per almeno 24 ore dal fumo di sigarette convenzionali.

Se non saranno attuate efficaci politiche di contrasto, entro il 2030 moriranno ogni anno oltre 8 milioni di fumatori – hanno dichiarato i vertici dell’OMS – e più dell’80% dei decessi si verificherà tra le persone che vivono nei paesi a basso e medio reddito. Il controllo del tabacco deve rappresentare una priorità per i governi e le comunità di tutto il mondo“.

Il tema di quest’anno è la tutela dellasalute dei polmoni.

Il team del CoEHAR, diretto dal prof. Riccardo Polosa, ha già condotto numerosi studi sull’argomento e nello specifico ha pubblicato una ricerca sugli effetti dell’utilizzo di sigarette elettroniche sul polmone, analizzando sia fumatori in salute, sia quelli con preesistenti malattia polmonari. I risultati sono stati incoraggianti e hanno evidenziato un effetto benefico derivante dall’uso dell’e-cig in relazione agli esiti respiratori. Presi tutti insieme, gli studi condotti dal CoEHAR provano che l’uso della sigaretta elettronica come alternativa al fumo di sigaretta convenzionale può ridurre sostanzialmente il danno provocato dal fumo al sistema respiratorio.

Sulla scia delle numerose iniziative in programma per il 2019, Giovedì 30 Maggio alle ore 10.30 presso la Fermata AMT Due Obelischi di Catania, il direttore del CoEHAR, Riccardo Polosa, presenterà alla stampa l’ultimo progetto targato CoEHAR, AMT e Unict che coinvolgerà tutti gli abbonati al servizio di trasporto pubblico della città.

Una interessantissima iniziativa che permetterà a migliaia di fumatori catanesi di richiedere supporto e collaborazione per allontanarsi definitivamente dall’abitudine al tabagismo.

Parteciperanno alla conferenza stampa: il Rettore dell’Università degli Studi di Catania Francesco Basile; il sindaco di Catania Salvo Pogliese; il presidente di AMT Giacomo Bellavia ed il presidente della Lega Italiana Anti Fumo Ezio Campagna.


Valeria Nicolosihttp://www.ilblogchevale.it
Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.
3,266FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi