18.1 C
Catania
lunedì, Giugno 1, 2020
Home News USA: l’FDA non ha l’autorità per disciplinare l’e-cigarettes

USA: l’FDA non ha l’autorità per disciplinare l’e-cigarettes

La Corte d’Appello di Washington DC ha deciso che la Food and Drug Administration non può valutare le sigarette elettroniche come farmaco. La Corte d’Appello di Washington DC ha stabilito che l’FDA, Food and Drug Administration, deve considerare le sigarette elettroniche come prodotti derivati dal tabacco e non come farmaco. Pertanto le sigarette elettroniche negli USA vanno regolamentate secondo il Tobacco Act del 2009 e non dall’autorità dell’FDA. La sentenza della Corte d’Appello del 7 dicembre 2010, conferma una decisione già presa dal tribunale di primo grado evidenziando che l’FDA non ha dati per dichiarare pericolose le sigarette elettroniche.
Pertanto, i produttori di sigarette elettroniche possono richiedere la certificazione di efficacia e sicurezza dalla FdCA, Federal Food, Drug, e Cosmetic Act, e l’autorizzazione alla commercializzazione dall’FDA e come è accaduto in passato per i cerotti e le gomme alla nicotina, anche le sigarette elettroniche potrebbero essere approvate come dispositivi utili per il trattamento della dipendenza da nicotina. Il Tobacco Act si pone infatti contro i prodotti contenenti tabacco e non quelli con nicotina.
L’FDA ha chiesto al Governo l’Appello alla Corte Suprema. Si resta in attesa di una regolamentazione più esaustiva per le sigarette elettroniche.

 

Valeria Nicolosihttp://www.ilblogchevale.it
Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.
3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Liberarsi dal fumo è possibile? Il seminario online di LIAF ci spiega come

L’evento, organizzato in partnership con il COEHAR, Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania, ha visto il coinvolgimento di medici, scienziati, psicologisti e giornalisti, che, attraverso dimostrazioni pratiche e teoriche, hanno promossola cultura antifumo da diverse angolazioni.

ANAFE CONFINDUSTRIA LANCIA IL SUO MANIFESTO

Roma, 28 maggio. 2020. Rischio ridotto, tutela dei minori, contrasto alla vendita illecita di liquidi da inalazione, difesa della filiera del fumo elettronico e tutela dell’ambiente. Questi i temi principali contenuti nel Manifesto lanciato da ANAFE, l’Associazione Nazionale Produttori Fumo Elettronico aderente a Confindustria, in occasione del World No Tobacco Day 2020, che si terrà domenica 31 maggio.

La Giornata Mondiale dello Svapo si celebra il 30 maggio 2020

L’ANPVU insieme alle Associazioni Internazionali di Consumatori di prodotti per la riduzione del danno da fumo (THR), ha proclamato il 30 maggio come Giornata Mondiale dello Svapo. Il giorno scelto per celebrare il World Vaping Day non è casuale in quanto cade un giorno prima del World No Tobacco Day proclamato dall'OMS.

Catania Conversation: il CoEHAR promuove una Master Class online

Catania Conversation CC è il nuovo progetto portato avanti dal Centre of Excellence for the acceleration of Harm Reduction (CoEHAR).