18 C
Catania
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home News Smettere di fumare per prevenire il cancro al seno

Smettere di fumare per prevenire il cancro al seno

Il mese di ottobre si tinge di rosa, per omaggiare e sostenere la ricerca e la prevenzione del cancro al seno. Un evento importante, mai come quest’anno che, segnato dalla pandemia da Covid-19, ha portato molte donne a rinunciare o posticipare i controlli di routine.

Sono tante le campagne e le iniziative attive in questo mese d’autunno: molti ambulatori in tutto il territorio italiano garantiscono la possibilità di sottoporsi a visite senologiche gratuite e, con l’occasione, diventano un momento di condivisione, dove cercare consigli, trovare materiale informativo e ricevere piccoli consigli da attuare nel nostro quotidiano.

Spiegare infatti come effettuare l’autopalpazione, significa sensibilizzare alla prevenzione di questo tipo di neoplasia, che ricordiamo colpisce una donna su nove.

I tumori mammari rappresentano il 30% della totalità di tumori maligni diagnosticati alle donne: nel 2019, i nuovi casi di carcinomi della mammella nel nostro paese sono stati 53.200. Dati che gettano una luce una una patologia con un indice di sopravvivenza a 5 anni pari all’87%.

Oggi prevenzione e informazione sono le armi più affilate che possediamo e, insieme ad analisi sempre più precoci e trattamenti mirati, permettono di aumentare le chance di sopravvivenza al cancro al seno. Purtroppo, molte pazienti aspettano ancora risposte specifiche per le forme più aggressive, che non rispondono alle terapie ad oggi disponibili, come per il tumore al seno triplo negativo, che compare già in giovane età, e per il carcinoma mammario metastatico, che colpisce circa 37.000 donne italiane.

Se avvertite qualcosa di sospetto, non esitate a prendere un appuntamento: la diagnosi precoce riveste infatti un ruolo fondamentale, al pari dei trattamenti diagnostici come la mammografia e l’ecografia, e della chemioterapia e della radioterapia.

Ma prevenzione significa anche avere uno stile di vita sano: smettere di fumare ed avere un’alimentazione equilibrata e ricca di vegetali sono strategie che possono fare la differenza.  

Siete donne fumatrici?

Sappiate che chi smette ha più possibilità di un esito positivo: è stato infatti provato da diversi studi la correlazione tra il fumo di sigaretta convenzionale ed il carcinoma della mammella. Una scelta, quella di smettere di fumare, che deve essere favorita da chi ci circonda: gli effetti negativi in termini di decorso patologico possono presentarsi anche a causa del fumo passivo.

I senologi (cosi tutti gli operatori sanitari in realtà) hanno il dovere di avvertire tutte le loro pazienti sui danni causati dal fumo e sulle possibili strade da intraprendere per uscire dal tabagismo.

Affidarsi ad un centro specializzato in smoking cessation è la prima scelta, il primo vero grande passo. In Italia, esistono tantissimi centri antifumo con personale specializzato che accompagna i fumatori verso un percorso si cessazione personalizzato ed efficace. Ti basta scegliere quello più vicino a casa tua per trovare una consulenza specifica e scegliere insieme ad un operatore lo strumento più efficace per iniziare una nuova vita senza fumo.

3,278FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Medici ed ecig: in quanti consigliano i dispositivi a rischio ridotto?

Il mondo della smoking cessation comprende soluzioni diverse, nate con il comune scopo di aiutare i fumatori ad uscire per sempre dalla...

DATI INCORAGGIANTI SULLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS A TROINA

Nell’indagine su base volontaria, sono stati coinvolti 1312 cittadini, distribuiti per sesso ed età e pari a circa il 14% del totale degli abitanti, mentre per l’Istituto Oasi 474 dipendenti pari a circa il 70% degli operatori attivi. Dai risultati è emerso che dei 1312 volontari, solo 26 (il 2%) sono venuti a contatto con il virus, mentre tra i dipendenti dell’Istituto Oasi sono state rilevate 71 positività su un totale di 474 operatori sanitari sottoposti al test (il 15%).

Australia: l’Università del Queensland presenta un piano radicale per eliminare il fumo

Gli studi condotti dall’Università del Queensland hanno affermato che la prevalenza di fumo in Australia è di poco inferiore al 15 per cento, ma è necessaria una tabella di marcia dettagliata per ridurre tale cifra a zero. Tra le proposte dello stato australiano, la più audace sembrerebbe quella proveniente dal Centre for Research Excellence on Achieving the Tobacco Endgame (CREATE) che suggerisce di ridurre il numero di rivenditori di tabacco e di limitare le vendite a particolari punti vendita come le farmacie.

University of East Anglia: ecig meglio di cerotti e gomme per smettere di fumare

Una ricerca recente aggiorna i dati della Cochrane Review del 2016, aumentando i numeri degli studi considerati che confermano l’efficacia delle ecig nei percorsi di smoking cessation