22.8 C
Catania
lunedì, Settembre 28, 2020
Home News San Raffaele di Milano: fra i malati di Covid-19 ci sono pochi...

San Raffaele di Milano: fra i malati di Covid-19 ci sono pochi fumatori

Le continue ricerche dei medici del San Raffaele di Milano confermano che il Sars-cov2 colpisce con meno frequenza i fumatori.

Già lo scorso aprile, grazie alle ricerche di medici come Riccardo Polosa, Konstantinos Farsalinos e Raymond Niaura, i dati scientifici non segnalavano molti fumatori tra i malati di Covid.

Oggi, i medici del San Raffaele, tra cui Giovanni Landoni, Giulia Veronesi e Alberto Zangrillo, confermano che tra i pazienti ricoverati in ospedale a causa del Covid-19, il tasso dei fumatori è molto ridotto.

Questo è quello che emerge dal testo intitolato Recent Exposure to smoking and covid-19 e pubblicato sul Critical Care and Resuscitation. Diverse istituzioni sanitarie ma stessi risultati, anche in Italia.

I ricercatori hanno condotto inoltre un’analisi degli studi disponibili su diverse riviste scientifiche e il risultato è lo stesso:

nei pazienti che hanno sviluppato il Covid-19 e che hanno richiesto terapia intensiva o ricovero in ospedale rispetto alla popolazione generale il tasso di fumo è basso.

Secondo i medici, negli ultimi mesi, il numero delle pubblicazioni delle riviste scientifiche è aumentato e le ipotesi sono tante e varie. Tra queste, la possibilità che la nicotina eserciti un ruolo “protettivo” nei confronti del virus.

Ma come ha sottolineato il prof. Riccardo Polosa durante il GFN 2020, è sulla qualità degli studi scientifici condotti in questi ultimi mesi che bisogna concentrarsi, fornendo dati chiari e ricerche aggiornate.

Da sottolineare però è che anche se tra i pazienti ospedalizzati risultano esserci meno fumatori, non bisogna mai abbassare la guardia, nonostante la necessità e l’impellenza di trovare delle risposte.

3,278FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

GTFN 2020: sostenibilità e innovazione sono fondamentali per il futuro della riduzione del danno da tabacco

Quali sono le migliori pratiche che l'industria del tabacco dovrebbe seguire per realizzare un cambiamento sostenibile attraverso l'innovazione e la regolamentazione? Questa è stata la domanda su cui si è concentrato il Global Tobacco and Nicotine Forum di quest'anno, GTFN 2020. Le risposte sono state presentate da esperti di aziende innovative del settore, organizzazioni non governative, mondo accademico e governi.

WHO FRAMEWORK CONVENTION ON TOBACCO CONTROL: 15 anni dall’entrata in vigore della Convenzione

15 anni dall’entrata in vigore della convenzione quadro sul controllo del tabacco, due sessioni di esperti internazionali con accademici, ricercatori e presidi di ONG affronteranno le questioni chiave e le sfide che i responsabili politici devono affrontare per ottenere un'attuazione più efficace ed equa a livello globale.

Ecigs: in Italia è boom di vendite

Diversi, infatti, i trend positivi registrati, tanto che il boom di vendite ha fatto sì che l’Italia si classificasse al quinto posto tra i paesi che più utilizzano le sigarette elettroniche.

Le 15 più grandi aziende di tabacco non progrediscono nella riduzione del danno

New York, 23 Settembre 2020 - Tobacco Transformation Index, è l'indice che rileva come la maggior parte delle 15 maggiori aziende produttrici...