27.9 C
Catania
mercoledì, Luglio 8, 2020
Home Società Quanta intelligenza ecologica hai?

Quanta intelligenza ecologica hai?

Non solo i fumatori sono poco attenti all’ambiente. Una giovanissima studentessa del CoEHAR, Maria Riolo, ha di recente lanciato un questionario pubblico, rivolto a fumatori ed utilizzatori di sigarette elettroniche e prodotti a tabacco riscaldato, che cercherà di valutare l’intelligenza ecologica globale.

Il questionario (al quale vi invitiamo a partecipare) è parte di un lavoro di ricerca, condotto dal prof. Pasquale Caponnetto e dalla dott.ssa Marilena Maglia, che si approccia ad una nuova forma di intelligenza che sta cambiando il nostro approccio nei confronti dell’ecosistema che ci circonda.

Maria ci invita a rispondere a domande sulle nostre abitudini primarie per cogliere la nostra sensibilità nei confronti della natura.

A definire tra i primi l’intelligenza ecologica è stato Daniel Goleman: “L’intelligenza sociale, emotiva ed ecologica – ha spiegato nel suo libro – consentono di migliorare la nostra vita su questo pianeta seguendo le tappe fondamentali di un percorso che può e deve condurci dall’ignoranza alla consapevolezza della sostenibilità”.

Maria Riolo

“L’immobilismo mondiale relativo al tema della protezione ambientale sembra giunto al termine – scrive Maria – e lo sviluppo di un’intelligenza ecologica potrebbe significare non solo svolta che riconcilia uomo e natura ma anche la ricerca di nuove soddisfazioni attraverso ciò che ci dona la natura silenziosamente”.

3,267FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi