18 C
Catania
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home News Le 15 più grandi aziende di tabacco non progrediscono nella riduzione del...

Le 15 più grandi aziende di tabacco non progrediscono nella riduzione del danno

New York, 23 Settembre 2020Tobacco Transformation Index, è l’indice che rileva come la maggior parte delle 15 maggiori aziende produttrici di tabacco non sta compiendo progressi sostanziali nell’eliminazione graduale delle sigarette e di altri prodotti di tabacco ad alto rischio.

Solo poche aziende hanno assunto impegni pubblici per la riduzione del danno sostenendo investimenti significativi. La maggior parte delle aziende non lo ha ancora fatto.

Con 1,3 miliardi di consumatori di tabacco nel mondo, di cui 8 milioni muoiono ogni anno per malattie legate al fumo, la posta in gioco per la salute globale è molto alta.

Tobacco Transformation Index è il primo indice a classificare le 15 più grandi aziende produttrici di tabacco del mondo (che rappresentano quasi il 90% del volume globale di sigarette) in base alle loro prestazioni relative all’impegno nel fornire progressi e nel sostenere la riduzione del danno da tabacco. L’indice 2020 valuta tutte le attività delle aziende produttrici di tabacco dal 2017 al 2019 relative a: strategia e gestione, vendita di prodotti, allocazione del capitale, offerta di prodotti, marketing, attività di lobbying e difesa.

Tobacco Transformation Index 2020 classifica al primo posto Swedish Match, che ha ceduto la sua attività di sigarette nel 1999. Seguono: Phillip Morris International, British American Tobacco, Altria, Imperial Brands, Japan Tobacco, KT&G, ITC Ltd., Swisher International, Tobacco Authority of Thailand, Vietnam National Tobacco, Gudang Garam, Djarum, Eastern Co. e China National Tobacco Corp.

“Ispirato dal successo dimostrato dagli indici focalizzati su altri settori, l’obiettivo del Tobacco Transformation Index è quello di stimolare la pressione esterna e la concorrenza del settore necessaria per eliminare la combustione dal mercato delle sigarette, accelerare il cambiamento e ridurre le malattie”, ha affermato il dott. Derek Yach, presidente della Foundation for a Smoke-Free World. “La società e i grandi investitori istituzionali come banche e fondi pensione, che rappresentano l’85% degli investimenti nelle società di tabacco quotate in borsa, hanno la possibilità per spingere la gestione delle società del tabacco a prendere misure che migliorano notevolmente la salute”.

I progressi dell’industria nella riduzione del danno da tabacco non sono sufficienti

Nel 2019, 13 delle 15 società produttrici di Tobacco Transformation Index hanno generato almeno il 95% del valore netto delle vendite attraverso prodotti del tabacco ad alto rischio, comprese le sigarette. Nel 2019, le vendite di prodotti a rischio ridotto di Swedish Match hanno rappresentato il 44% delle sue vendite nette, seguite da Philip Morris International al 19% e British American Tobacco e KT&G al 5% ciascuna. Nel periodo 2017-2019, otto delle 15 società hanno assegnato il 10% o meno delle spese di ricerca e sviluppo in prodotti a rischio ridotto rispetto a prodotti ad alto rischio. Durante il periodo di revisione dell’Indice del 2017-2019, diverse società tra cui British American Tobacco, Japan Tobacco, Philip Morris International e KT&G Corp, hanno effettuato acquisizioni principalmente di aziende di sigarette. Queste acquisizioni erano spesso concentrate sui paesi a reddito medio-basso (LMIC), dove i tassi di fumo sono più alti. Tra le sei aziende che si sono impegnate pubblicamente per la riduzione del danno, tra il 30% e il 55% del budget di marketing era ancora destinato a prodotti ad alto rischio, comprese le sigarette.

“Le aziende produttrici di tabacco stanno ancora spendendo una quantità significativa dei loro budget di marketing per prodotti ad alto rischio e, sebbene una manciata abbia aumentato la propria attenzione sulla prevenzione dell’accesso dei giovani, l’impatto di queste politiche non è ancora chiaro”, ha affermato il dott. Yach.

I progressi complessivi nella riduzione del fumo rimangono frustranti e procedono lentamente. Per accelerare il progresso, sono necessarie nuove strategie e strumenti per integrare gli sforzi in corso per il controllo del tabacco. Uno sforzo che trasformi l’industria globale del tabacco attraverso una strategia di riduzione del danno potrebbe ridurre gli attuali rischi per la salute degli utenti e alla fine aiutarli a smettere definitivamente di fumare.

Tabacco di proprietà statale incentrato sulla vendita di sigarette

È stato riscontrato che nove delle 15 maggiori aziende produttrici di tabacco del mondo non hanno alcun impegno attivo per la riduzione del danno da tabacco e/o hanno annunciato obiettivi per aumentare la produzione e le vendite di prodotti del tabacco ad alto rischio. In questo gruppo, China National Tobacco Corp. (CNTC), Vietnam National Tobacco Corp. e Tobacco Authority of Thailand sono imprese di proprietà del governo al 100%. Altre società come Eastern Tobacco Co. (51%), Japan Tobacco (33%) e ITC Ltd. (24%) hanno partecipazioni pubbliche parziali. CNTC, il più grande produttore e distributore di sigarette al mondo, controlla circa il 44% della quota di mercato globale delle sigarette. Un nuovo studio di ricerca, “Contradictions and Conflicts“, dell’esperto di Business e Corporate Governance Internazionale Daniel Malan, rileva che quasi il 50% del mercato globale delle sigarette combustibili è controllato dai governi firmatari della Convenzione e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sul Controllo del Tabacco (FCTC).

FCTC è progettato per ridurre l’offerta e la domanda di tabacco e principalmente per migliorare la salute pubblica. Delle sei società con un certo grado di proprietà statale nell’Indice, cinque si trovano nella metà inferiore della classifica. Se le aziende produttrici di tabacco di proprietà statale dovessero abbracciare la riduzione del danno da tabacco, potrebbero avere un impatto significativo sulla salute dei loro cittadini, affrontando al contempo le esigenze fiduciarie in modo sano.

Le aziende del tabacco concentrano gli sforzi sui prodotti a rischio ridotto sui paesi a reddito più alto

Le aziende che offrono prodotti a rischio ridotto stanno concentrando i loro sforzi principalmente su paesi selezionati a reddito medio-alto, dove i tassi di fumo complessivi sono inferiori e le vendite di sigarette sono già in calo.

Tre grandi multinazionali – British American Tobacco, Japan Tobacco e Philip Morris International – offrono collettivamente prodotti a rischio ridotto in 15 dei paesi a reddito medio-alto nell’ambito dell’indice 2020 di 36 paesi.

Tuttavia, le loro alternative a rischio ridotto raggiungono solo tre paesi a reddito medio-basso (LMIC). “Questo primo indice di trasformazione del tabacco conferma il fatto che questo settore sia solo all’inizio di un lungo viaggio. Il vero progresso arriverà quando vedremo tutte le aziende del tabacco eliminare gradualmente le loro attività di sigarette combustibili. Ma affinché ciò sia possibile, i governi devono implementare regolamenti più intelligenti che supportano la transizione e l’OMS dovrebbe sostenere attivamente la riduzione del danno da tabacco. I divieti, come l’appello dell’Unione a vietare la vendita di sigarette elettroniche e prodotti del tabacco riscaldati negli LMIC, non sono la risposta e ostacolano solo il progresso”, ha affermato il dott. Yach.

Il Tobacco Transformation Index è stato sviluppato dal 2019-2020 attraverso una revisione della ricerca quantitativa e qualitativa condotta con le sovvenzioni ricevute dalla Fondazione dai consulenti Euromonitor International, con la guida di un comitato consultivo indipendente e un programma globale di coinvolgimento degli stakeholder organizzato dalla società di consulenza SustainAbility. L’indice 2020 si basa su una valutazione di 35 indicatori chiave nel periodo 2017-2019.

L’analisi verrà aggiornata ogni due anni.

Per ulteriori informazioni, visitare www.tobaccotransformationindex.org.

3,278FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Medici ed ecig: in quanti consigliano i dispositivi a rischio ridotto?

Il mondo della smoking cessation comprende soluzioni diverse, nate con il comune scopo di aiutare i fumatori ad uscire per sempre dalla...

DATI INCORAGGIANTI SULLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS A TROINA

Nell’indagine su base volontaria, sono stati coinvolti 1312 cittadini, distribuiti per sesso ed età e pari a circa il 14% del totale degli abitanti, mentre per l’Istituto Oasi 474 dipendenti pari a circa il 70% degli operatori attivi. Dai risultati è emerso che dei 1312 volontari, solo 26 (il 2%) sono venuti a contatto con il virus, mentre tra i dipendenti dell’Istituto Oasi sono state rilevate 71 positività su un totale di 474 operatori sanitari sottoposti al test (il 15%).

Australia: l’Università del Queensland presenta un piano radicale per eliminare il fumo

Gli studi condotti dall’Università del Queensland hanno affermato che la prevalenza di fumo in Australia è di poco inferiore al 15 per cento, ma è necessaria una tabella di marcia dettagliata per ridurre tale cifra a zero. Tra le proposte dello stato australiano, la più audace sembrerebbe quella proveniente dal Centre for Research Excellence on Achieving the Tobacco Endgame (CREATE) che suggerisce di ridurre il numero di rivenditori di tabacco e di limitare le vendite a particolari punti vendita come le farmacie.

University of East Anglia: ecig meglio di cerotti e gomme per smettere di fumare

Una ricerca recente aggiorna i dati della Cochrane Review del 2016, aumentando i numeri degli studi considerati che confermano l’efficacia delle ecig nei percorsi di smoking cessation