11.8 C
Catania
sabato, Dicembre 5, 2020
Home Iniziative ISPM: APERTO IL BANDO PER LA SELEZIONE DEI PARTECIPANTI ALLA SECONDA...

ISPM: APERTO IL BANDO PER LA SELEZIONE DEI PARTECIPANTI ALLA SECONDA EDIZIONE

Catania, 20 luglio 2020 – La condivisione di esperienze, idee e competenze specifiche crea nuove opportunità concrete di lavoro, amplia le nostre conoscenze e ci rende competitivi nel mondo. Questo è l’obiettivo principale della ISPM – International Summer School on Project Management, la prima scuola al mondo con un focus specifico sulla gestione di progetti in ambito di ricerca antifumo. Organizzata in iniziativa congiunta da ECLAT, spin off dell’Università degli studi di Catania, e dal CoEHAR – Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dello stesso Ateneo, la Summer School, come promesso, ha assicurato due contratti di collaborazione per gli studenti che si sono distinti per merito e competenze durante la prima edizione della Summer School. 

L’edizione 2019 ha visto la partecipazione di 15 giovani project manager provenienti da più di 20 Paesi nel mondo e selezionati tramite avviso pubblico da una commissione di esperti del settore. La seconda edizione, ancora una volta totalmente gratuita, offre più opportunità, consentendo a ben 30 giovani professionisti/laureati provenienti da tutto il mondo, selezionati in base a criteri di merito, di partecipare al corso.

La Summer School ha il patrocinio gratuito dell’Università degli Studi di Catania e, come novità della nuova edizione, anche del PMI-SIC, sezione sud Italia del Project Management Institute, la più importante istituzione di Project Manager a livello mondiale, fondata nel 1969 a Philadelphia (USA), con circa 600.000 membri in tutto il mondo.

La scuola estiva internazionale sulla gestione dei progetti applicati alla riduzione del danno da fumo, si terrà anche quest’anno a Giardini Naxos (Taormina, Messina) dal 5 all’11 ottobre 2020.

Il percorso formativo costituisce un’esperienza di formazione unica per affrontare al meglio le sfide del project management, si articolerà in 7 giornate durante le quali si svolgeranno lezioni teoriche, attività pratiche e simulazioni di progetti. Grazie a questo corso, che prevede la partecipazione anche di docenti internazionali esperti del settore, gli studenti saranno in grado di sviluppare, pianificare e coordinare progetti di ricerca soprattutto nel settore medico scientifico della Riduzione del Danno da Fumo, un ambito ancora poco esplorato e che rappresenta una grande opportunità di ricerca e di lavoro.

“Nel riproporre l’opportunità della nostra Summer School, – ha dichiarato il leader di progetto, Daniela Saitta – dopo la prima fortunata edizione, intendiamo contribuire ad allineare la formazione con le richieste del mondo del lavoro. Il percorso che abbiamo messo a punto consente di acquisire strumenti pratici e competenze su un tema cruciale come quello della gestione dei progetti che sta diventando sempre più importante per eseguire attività in modo controllato, ottenendo tutti i risultati attesi nel modo più efficace possibile. Capacità di pianificazione del lavoro, budgeting, gestione delle scadenze, collaborazione con team multidisciplinari, consapevolezza dei punti di forza e di debolezza, sono tutte sfide che un project manager deve affrontare”.

Il bando per candidarsi scade il 9 Agosto 2020. Per maggiori informazioni link al sito web: https://www.ispm-coehar.org/ispm-2020/ispm-2020-apply-today/

3,271FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

L’SRNT PREMIA IL COEHAR, ATTESO AL MEETING ANNUALE SRNT 2021

Il centro di ricerca catanese tra le eccellenze selezionate per l’edizione dell’evento annuale che, per quest’anno, si svolgerà online dal 24 al 27 febbraio

COVID-19 E SIGARETTA ELETTRONICA: ESISTE UN RISCHIO CONNESSO?

Svapare aumenta le percentuali di rischio di trasmissione dell’infezione da SARS-Cov-2 a causa delle piccole particelle emesse durante l’esalazione dell'aerosol delle sigarette elettroniche? Per rispondere a questa domanda, il CoEHAR, Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania, in collaborazione con l’Istituto di Scienze Nucleari di Città del Messico e la MyriadPharmaceuticals di Auckland, ha valutato le possibilità che le particelle emesse durante lo svapo possano aumentare il rischio di contagio da coronavirus.

Fumo e pandemia: come combattere l’abitudine?

Mentre la seconda ondata di infezione da Covid-19 colpisce il mondo e un nuovo lockdown è in vista, aumentano anche le tensioni psicologiche sulle persone. Cosa abbiamo imparato dalla pandemia da un punto di vista psicologico?

VAPING: Lo studio che dimostra come l’esperienza sensoriale aiuta a smettere di fumare

Il vaping vince dove le terapie ufficiali hanno fallito. Ma qual è il segreto del suo successo? Questo si sono chiesti i ricercatori DiPiazza, Caponnetto, Askin, Christos, Maglia, Gautam, Roche e Polosa. Il frutto di tale ricerca è stato appena pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale Harm Reduction Journal.