11.4 C
Catania
lunedì, 30 Marzo, 2020
Home Scienza Il fumo rallenta la guarigione delle fratture

Il fumo rallenta la guarigione delle fratture

Il fumo rallenta anche la guarigione delle fratture! A dirlo la Società italiana di Ortopedia e Traumatologia che di recente ha deciso di lanciare un appello per mettere in evidenza gli effetti negativi del fumo in ambito ortopedico.

La nicotina e il monossido di carbonio sono sostanze che portano ad una minore ossigenazione del sangue con conseguenti danni anche sul sistema muscolo scheletrico. Tra le principali complicanze legate al fumo, la Siot evidenzia:

  • maggiore rischio di osteoporosi e un conseguente aumento del numero di fratture;
  • maggiore rischio di infezioni in tutti gli interventi chirurgici ortopedici;
  • più facilità di scollare la protesi dall’osso;
  • rallentamento dei processi riparativi nelle fratture e di guarigione.

L’abitudine al tabagismo può innalzarne significativamente le percentuali che, nei fumatori, possono arrivare sino al 30% – ha detto Francesco Falez, Presidente SIOT – queste complicanze possono manifestarsi nei fumatori, ma anche negli ex fumatori, con una percentuale tra il 40 e il 50% più alta rispetto ai non fumatori, percentuale che risulta molto più elevata nei forti fumatori”. 

Rallentare il processo di guarigione di un intervento ortopedico significa anche aumentare i costi per la Sanità pubblica. Degenze più lunghe equivalgono a costi più alti con l’aggiunta delle conseguenze sociali dovute alla riduzione delle giornate lavorative e della relativa produttività.

Per il prof. Giuseppe Sessa, Ordinario presso l’ Università degli studi di Catania, Direttore della Clinica Ortopedica del Policlinico Vittorio Emanuele past presidente della SIOT: “Un medico ha sempre il dovere di consigliare ad un paziente di smettere di fumare ma nei casi di traumi ortopedici, il consiglio deve diventare una prescrizione. E se il paziente non riesce da solo, dobbiamo consentirgli di accedere a tutte le opportunità offerte dal sistema sanitario per aiutarlo ad uscire dal tabagismo con successo. Risulta fondamentale aumentare la consapevolezza di come il fumo comporti un netto aumento di complicanze in caso di patologie delle ossa e di ricorso alla chirurgia ortopedica”.

Il fumo è anche associato ad un più alto rischio di mal di schiena e di artrite reumatoide, come abbiamo spiegato in un recente articolo.

Valeria Nicolosihttp://www.ilblogchevale.it
Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.
3,231FansLike
172FollowersFollow
542FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

APPELLO di LIAF e CoEHAR: Aiutateci ad aiutare i nostri medici

LIAF e CoEHAR, considerato lo stato di emergenza causato dal COVID-19, lanciano un appello per affrontare l’elevato numero di morti e la devastazione che la pandemia sta causando in tutto il mondo, ed in particolare in Italia. Scopri come donare.

Stress e fumo, come affrontare questi giorni in casa?

Per i fumatori, purtroppo, assistiamo ad un aumento della richiesta di prodotti da tabacco combustibili considerate forme di sollievo dallo stress. Smettere definitivamente ma se non si riesce da soli, almeno passate a prodotti a rischio ridotto.

Un anno nello spazio: ora vi spiego come superare l’isolamento

Per Scott Kelly vivere quasi un anno su una navicella spaziale non è stato facile. Stare e “vivere” nello spazio è un’attività che va avanti senza interruzione. Oggi, Scott, ha deciso di condividere con il mondo alcuni suggerimenti perché crede che possano tornare utili considerato che a causa del COVID-19 siamo bloccati all’interno delle nostre abitazioni.  

COVID e fumo: non dimostrata la correlazione con forme gravi di malattia

Oggi è nostro dovere aiutare quei fumatori che, costretti a stare a casa e affetti da stati di ansia maggiori, continuano a fumare o addirittura lo fanno di più. Spaventarli sull'aumento del rischio di contrarre il COVID non è reale ma dire loro che fumare li esporrà a rischi maggiori una volta contratto il virus, si.