15.1 C
Catania
domenica, Aprile 5, 2020
Home News I fumatori con BPCO non corrono rischi maggiori di contagio per il...

I fumatori con BPCO non corrono rischi maggiori di contagio per il COVID-19

I fumatori con BPCO non corrono rischi maggiori di contagio per il COVID-19

Per l’emergenza bisogna convertire velocemente posti letto ordinari in posti da terapia intensiva

Catania, 12 Marzo – Nadine Dorries, la sottosegretaria britannica per la Salute, è risultata positiva al Coronavirus. L’Italia è completamente bloccata. I paesi dell’Unione Europea stanno valutando i loro piani. La Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato ufficialmente la pandemia COVID-19. Ma il punto è chiaro: nessuno è immune al virus e le autorità di salute pubblica devono attivare strategie impopolari per circoscrivere i contagi e ridurre i decessi.

“Non è il momento della speculazione e delle fake news, ma dei fatti” – ha detto il prof. Riccardo Polosa docente di Medicina Interna e fondatore del CoEHAR dell’Università di Catania. 

Uno studio su 144 casi ricoverati in China ha mostrato che – spiega Polosa: “I fumatori con BPCO non corrono rischi maggiori di contagio per il COVID-19. I pazienti anziani e con importanti comorbidità sono quelli più a rischio per elevata mortalità”. 

In Italia, il coronavirus sta mietendo molto vittime, e il dato anzianità e comorbidità da soli non spiegano tassi di mortalità così elevati. “La Lombardia, che vanta il sistema sanitario più moderno ed efficiente in Italia, conta oggi il tasso di mortalità pù alto al mondo. Perché? – aggiunge lo scienziato – Nel giro di sole due settimane non si è più riusciti a garantire la necessarie assistenza ai casi più gravi. Cosa fare? Bisogna convertire velocemente posti letto ordinari in posti da terapia intensiva e semiintensiva oltre a mobilitare personale specializzato formato per fronteggiare questo tipo di emergenza verso le zone dove c’è più esigenza“. 

3,229FansLike
172FollowersFollow
541FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

Il Prof. Polosa fa chiarezza sul tempo di sopravvivenza del Coronavirus su pareti e superfici

Gli autori dell’articolo riportano che il virus possa rimanere vitale sulle superfici sino a un massimo di 3 giorni. Secondo Polosa, sono davvero troppi.

Smartphone e COVID-19: il limite tra privacy e necessità

Dalla Cina all'Europa, numerose sono le soluzioni proposte per monitorare e contrastare l'emergenza da COVID-19, utilizzando gli smartphone o i dispositivi indossabili. Ma esiste un limite?

Questionario COVID per fumatori e non, svapatori e non

Pochi minuti del vostro tempo saranno necessari per aiutare i ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo e del CoEHAR a trovare le...

Teenager e vaping: la moda e i social media

Essere teenager significa doversi rapportare con il gruppo, con la moda, con la necessità di sentirsi accettati. E che le relazione intercorre tra il vaping e i soggetti più giovani?