25.4 C
Catania
venerdì, Luglio 10, 2020
Home News GTNF 2018 a Londra, l'atteso intervento del prof. Polosa

GTNF 2018 a Londra, l’atteso intervento del prof. Polosa

Londra, 14 settembre 2018 – Una tre giorni interamente dedicata alla riduzione del rischio, per discutere tutti gli aspetti riguardanti i prodotti della filiera e fare il punto sullo stato dell’arte degli ultimi dispositivi a potenziale rischio ridotto, sin dalle e-cig al tabacco riscaldato, le cosiddette “sigarette che non bruciano”.

Questo l’obiettivo del “The Global Tobacco and Nicotine Forum’ 2018″ che si concluderà proprio oggi a Londra. Si tratta di uno dei più importanti appuntamenti del settore, inaugurato 10 anni fa.

Nel corso delle numerose sessioni già programmate, esponenti del mondo scientifico e regolatorio ma anche industriale ed economico, hanno fatto il punto sul presente e sul futuro di un’industria che tende sempre di più verso la riduzione del danno e l’innovazione tecnologica. “Il nostro scopo – hanno sottolineato gli organizzatori – è quello di approfondire il dibattito sul tabacco, la nicotina e la salute pubblica, affinché questo possa portare a percezioni e decisioni più equilibrate e informate da parte di tutte le parti interessate”.

Non a caso, tra gli ospiti più attesi, c’è stato anche il nostro il prof. Riccardo Polosa, neo direttore del CoEHAR, il primo Centro di Ricerca Internazionale per la Riduzione del Danno da Fumo.

Stiamo attraversando un periodo di cambiamento epocale e da un cambiamento come questo può nascere una grande opportunità” – ha detto Polosa intervenendo alla conferenza stampa d’apertura della manifestazione.

Seguire questo cambiamento però – ha spiegato lo scienziato catanese – significa anche monitorare i percorsi della scienza, criticarli e comunicali nel modo più corretto possibile. Purtroppo la proliferazione selvaggia di ricerche che non si basano su standard di ricerca condivisi, è un problema serio. Sono urgenti standard internazionali per un rilancio del rigore nel campo della ricerca applicata alle nuove tecnologie per la riduzione del rischio. Auspico che esperti internazionali – ha concluso – possano lavorare insieme per stabilire e sottoscrivere delle linee guida che possano garantire i più alti standard di qualità degli studi“.

Valeria Nicolosihttp://www.ilblogchevale.it
Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.
3,266FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi