18 C
Catania
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home News GTFN 2020: sostenibilità e innovazione sono fondamentali per il futuro della riduzione...

GTFN 2020: sostenibilità e innovazione sono fondamentali per il futuro della riduzione del danno da tabacco

Quali sono le migliori pratiche che l’industria del tabacco dovrebbe seguire per realizzare un cambiamento sostenibile attraverso l’innovazione e la regolamentazione? Questa è stata la domanda su cui si è concentrato il Global Tobacco and Nicotine Forum di quest’anno, GTFN 2020. Le risposte sono state presentate da esperti di aziende innovative del settore, organizzazioni non governative, mondo accademico e governi.

Il GTFN ebbe inizio nel 2008 a Rio de Janeiro e quest’anno giunge all’undicesima edizione. Da allora si è sviluppato attraverso uno scambio globale di opinioni e idee tra esperti di salute pubblica, funzionari governativi, investitori e l’industria della nicotina. A causa dell’epidemia COVID-19, l’incontro di quest’anno si è tenuto online e con grande successo. I relatori provenivano da 23 paesi diversi e hanno attirato oltre 1.400 partecipanti.

L’edizione di quest’anno ha visto la partecipazione dello scrittore e membro della Camera dei Lord del Parlamento britannico Matt Ridley; l’eurodeputato, vicepresidente della Commissione per il commercio internazionale del Parlamento europeo, Juliu Winkler; Derek Yach, Presidente della Fondazione Smoke Free World; il direttore del Tobacco Products Center (FDA) della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti e Ian Paisley, deputato per North Antrim, Regno Unito. Altri partecipanti degni di nota furono Clive Bates, direttore di Controfattuale; Konstantinos Farsalinos, ricercatore presso Onassis Cardiac Surgery Center; David Levy, professore di oncologia alla Georgetown University; Sally Satel, studiosa residente presso l’American Enterprise Institute e docente di psichiatria all’Università di Yale; Marewa Glover, direttore del Centro di eccellenza della ricerca sulla sovranità e il fumo indigeni; e Karl Fagerstrom, psicologo clinico presso il Smokers Information Center in Svezia.

Tra le presentazioni Kingsley Wheaton, Chief Marketing Officer di BAT Group (CMO), che ha tenuto un discorso evidenziando un cambiamento significativo nella direzione dello sviluppo delle politiche legate al tabacco. Ha introdotto cambiamenti commerciali promuovendone l’innovazione e la sostenibilità.

Sono state presentate diverse linee guida. In primo piano: il ruolo positivo della scienza, le prospettive basate su delle prove, la libertà di innovazione, la comunicazione e il marketing responsabile.

“Il GTFN è ora un evento globale” ha dichiarato il Prof. Riccardo Polosa, Fondatore del CoEHAR. “I dati mostrano che se è disponibile un’alternativa meno dannosa valida, le sigarette convenzionali possono essere gradualmente eliminate. Per accelerare questo processo, è fondamentale garantire la massima qualità della ricerca per portare alla giusta strada l’innovazione dei prodotti. Milioni di fumatori dovrebbero avere il diritto di scegliere di passare a prodotti meno nocivi e ridurre così il rischio per la loro salute”.

In uno dei panel, Derek Yach, Presidente della Fondazione Smoke Free World, ha annunciato la pubblicazione del Tobacco Transformation Index, che mira ad accelerare la riduzione dei danni causati dal consumo di tabacco. Gli obiettivi principali dell’indice sono promuovere l’eliminazione graduale dei prodotti del tabacco ad alto rischio e accelerare lo sviluppo di alternative a rischio ridotto per i consumatori. L’indice mira a garantire la coerenza delle attività di riduzione del danno nei mercati mondiali con linee guida condivise.

Ciò che è diventato più chiaro durante le discussioni al GTNF 2020 è l’importanza di sottolineare che la nicotina non è la causa del danno, ma la combustione. Pertanto, gli investitori, i responsabili delle politiche, le parti interessate e i fumatori dovrebbero agire di conseguenza per porre fine all’uso dei prodotti a combustione ed evitare milioni di morti. Gli sforzi devono concentrarsi sulla transizione alla consegna di nicotina non a combustione.

3,278FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Medici ed ecig: in quanti consigliano i dispositivi a rischio ridotto?

Il mondo della smoking cessation comprende soluzioni diverse, nate con il comune scopo di aiutare i fumatori ad uscire per sempre dalla...

DATI INCORAGGIANTI SULLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS A TROINA

Nell’indagine su base volontaria, sono stati coinvolti 1312 cittadini, distribuiti per sesso ed età e pari a circa il 14% del totale degli abitanti, mentre per l’Istituto Oasi 474 dipendenti pari a circa il 70% degli operatori attivi. Dai risultati è emerso che dei 1312 volontari, solo 26 (il 2%) sono venuti a contatto con il virus, mentre tra i dipendenti dell’Istituto Oasi sono state rilevate 71 positività su un totale di 474 operatori sanitari sottoposti al test (il 15%).

Australia: l’Università del Queensland presenta un piano radicale per eliminare il fumo

Gli studi condotti dall’Università del Queensland hanno affermato che la prevalenza di fumo in Australia è di poco inferiore al 15 per cento, ma è necessaria una tabella di marcia dettagliata per ridurre tale cifra a zero. Tra le proposte dello stato australiano, la più audace sembrerebbe quella proveniente dal Centre for Research Excellence on Achieving the Tobacco Endgame (CREATE) che suggerisce di ridurre il numero di rivenditori di tabacco e di limitare le vendite a particolari punti vendita come le farmacie.

University of East Anglia: ecig meglio di cerotti e gomme per smettere di fumare

Una ricerca recente aggiorna i dati della Cochrane Review del 2016, aumentando i numeri degli studi considerati che confermano l’efficacia delle ecig nei percorsi di smoking cessation