11.8 C
Catania
venerdì, Dicembre 4, 2020
Home L'esperto risponde Fumare per alleviare lo stress, ma la tua salute sessuale è a...

Fumare per alleviare lo stress, ma la tua salute sessuale è a rischio

Secondo le stime, le patologie non trasmissibili quali malattie cardiovascolari, metaboliche oncologiche e respiratorie causano oltre 15 milioni di morti. Per tali patologie, uno dei fattori di rischio più diffusi è il fumo, che nei soggetti maschili è una dipendenza associata a disfunzioni erettili e parametri spermatici alterati.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista internazionale Journal of Endocrinological Investigation, il tabagismo è considerato un fattore di rischio dei disturbi dell’apparato sessuale nei soggetti maschili, come la disfunzione erettile, che affligge circa 100 milioni di persone nel modo, con previsioni che innalzano la cifra a 300 milioni di casi entro il 2025.

I dispositivi a rischio ridotto, come la sigaretta elettronica, sono attualmente oggetto di studio per verificare che il loro utilizzo possa diminuire il danno associato all’apparato riproduttivo. Sebbene per quest’ultimo non siano ancora disponibili i risultati di studi specifici, ricerche preliminari indicano come le ecig provochino minori danni vascolari se paragonate alle sigarette tradizionali.

Il Massachusetts Male Aging Study, il primo studio su larga scala compiuto sulla popolazione riporta che il fumo di sigaretta raddoppia il rischio di sviluppare forme di disfunzione erettile. Nel 2001 una systematic review di 19 studi ha evidenziato come i soggetti maschi fumatori incorrano in disfunzioni erettili più dei soggetti non fumatori di circa il 12.4%.  

La Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità è la prima società scientifica nel mondo” ci spiega Emmanuele A. Jannini, Professore di Endocrinologia e Sessuologia Medica all’Università di Roma Tor Vergata e uno degli autori dello studio “tra quelle dedicate alla salute sessuale e riproduttiva dell’individuo e della coppia, ad aver preso posizione sul tema della riduzione del rischio del fumatore inveterato“.

Ad oggi, non esistono ricerche che ci forniscano dati incontrovertibili sui benefici della sigaretta elettronica nella diminuzione dei disturbi legati alla sessualità o alla fertilità. Se però consideriamo che sia per patologie cardiovascolari e respiratorie sia per l’infertilità o la disfunzione erettile il fumo rappresenta un fattore di rischio rilevante, l’utilizzo di strumenti a rischio ridotto come le ecig, riconosciute come strumenti utili di riduzione del danno, potrebbero diminuire i sintomi legati alla disfunzione erettile.

L’applicazione dei concetti di harm reduction può dunque fornire un valido supporto nel trattamento di queste condizioni cliniche: il tabacco e la nicotina assunte attraverso la sigaretta convenzionale sono riconosciute essere nemici della salute sessuale e riproduttiva. Promuovere percorsi di smoking cessation attraverso dispositivi che possano mantenere intatte le abitudini del fumatore riduce enormemente il danno provocato dalla combustione della sigaretta convenzionale.

Da sottolineare come molto spesso nella lotta la tabagismo la salute sessuale venga relegata in secondo piano: gli operatori che si muovono nelle maglie del tessuto sanitario dovrebbero ricevere informazioni più accurate e godere di una preparazione maggiore in materia di salute sessuale per fornire informazioni più precise a chi si rivolge loro per un aiuto.

Educazioni medica e ricerca scientifica: fornire ai fumatori informazioni precise e dettagliate e convogliarle sui mezzi di informazioni rappresenta ad oggi una grandissima possibilità per aiutare coloro che faticano a smettere di fumare, diminuendo il danno provocato dalla dipendenza da tabacco.

3,271FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

L’SRNT PREMIA IL COEHAR, ATTESO AL MEETING ANNUALE SRNT 2021

Il centro di ricerca catanese tra le eccellenze selezionate per l’edizione dell’evento annuale che, per quest’anno, si svolgerà online dal 24 al 27 febbraio

COVID-19 E SIGARETTA ELETTRONICA: ESISTE UN RISCHIO CONNESSO?

Svapare aumenta le percentuali di rischio di trasmissione dell’infezione da SARS-Cov-2 a causa delle piccole particelle emesse durante l’esalazione dell'aerosol delle sigarette elettroniche? Per rispondere a questa domanda, il CoEHAR, Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania, in collaborazione con l’Istituto di Scienze Nucleari di Città del Messico e la MyriadPharmaceuticals di Auckland, ha valutato le possibilità che le particelle emesse durante lo svapo possano aumentare il rischio di contagio da coronavirus.

Fumo e pandemia: come combattere l’abitudine?

Mentre la seconda ondata di infezione da Covid-19 colpisce il mondo e un nuovo lockdown è in vista, aumentano anche le tensioni psicologiche sulle persone. Cosa abbiamo imparato dalla pandemia da un punto di vista psicologico?

VAPING: Lo studio che dimostra come l’esperienza sensoriale aiuta a smettere di fumare

Il vaping vince dove le terapie ufficiali hanno fallito. Ma qual è il segreto del suo successo? Questo si sono chiesti i ricercatori DiPiazza, Caponnetto, Askin, Christos, Maglia, Gautam, Roche e Polosa. Il frutto di tale ricerca è stato appena pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale Harm Reduction Journal.