30.4 C
Catania
domenica, Luglio 12, 2020
Home Comunicati stampa FORMALDEIDE NELLE SIGARETTE ELETTRONICHE E RISCHIO CANCRO. PROF. POLOSA (LIAF): “SI TRATTA...

FORMALDEIDE NELLE SIGARETTE ELETTRONICHE E RISCHIO CANCRO. PROF. POLOSA (LIAF): “SI TRATTA DI VALUTAZIONI NON REALISTICHE”

In merito alle notizie diffuse dalla stampa internazionale sullo studio pubblicato dal New England Journal of Medicine secondo il quale gli “svapatori” rischiano il cancro 15 volte in più rispetto ai consumatori di sigarette convenzionali, il prof. Riccardo Polosa – direttore scientifico LIAF Lega Italiana Anti Fumo, primario di Medicina Interna nel Policlinico Universitario di Catania e considerato l’autore più produttivo al mondo nel campo della ricerca applicata alla sigaretta elettronica – ha dichiarato:
“Lo studio si basa sulla valutazione di soggetti che svapano in condizioni non realistiche. In condizioni normali, ossia a bassi voltaggi – spiega il professore – non viene prodotta alcuna formaldeide, mentre in condizioni di uso altamente improbabili e non assolutamente realistiche (cioè ad alti voltaggi) livelli importanti di formaldeide venivano misurati. In queste ultime condizioni, il surriscaldamento prodotto è tale da danneggiare l’atomizzatore e da generare un vapore dal gusto orribile che lo svapatore non è in grado di tollerare. Pertanto, continua a non esistere un rischio aumentato di cancro al polmone quando le e-cig vengono utilizzate in condizioni di uso normali. Piuttosto, notiamo una continua insistenza ad utilizzare in maniera non realistica le sigarette elettroniche per le valutazioni scientifiche”.

2 Commenti

  1. Buonasera, ho letto questo articolo anche da altre parti dove si diceva più precisamente che il basso voltaggio era attorno ai 3.3 V mentre alto voltaggio era già da considerarsi a 5V ( voltaggio dell’esperimento). Ora le condizioni, non sono cosi irrealistiche come afferma il Dott. Polosa, dato che le e cig di seconda generazione o PV arrivano tranquillamente a questi voltaggi senza subire alcun danno strutturale. Io stesso svapo a 5V in quanto a mio avviso il calore e il vapore generato appaga maggiormente rispetto ad un livello di voltaggio basso ( 3,3 V )… Ora, ho letto anche che la formaldeide generata non è formaldeide “classica” ma formaldeide emiacetale ( che bene non ho capito di che si tratti,non essendo un medico). Quello che non ho capito di tutta questa vicenda è: da cosa deriva questa formazione di formaldeide, o meglio, da quale sostanza ne deriva la sua formazione…,glicole,glicerina o nicotina e in secondo luogo, se effettivamente questo tipo di formaldeide è cosi pericolosa come la formaldeide “classica”

    • Deriva dal fatto che ad alte temperature, se non erro oltre i 230°C il cotone puro contenuto nella coil dell’atomizzatore comincia la combustione e conseguente rilascio di formaldeide, per questo ho acquistato una box con il controllo della temperatura da impostare accuratamente sotto la soglia limite, 200°C.

Comments are closed.

3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi