30.1 C
Catania
sabato, Luglio 11, 2020
Home L'esperto risponde Estate, quando il tuo vicino di casa fuma in continuazione

Estate, quando il tuo vicino di casa fuma in continuazione

Tra le tante domande che arrivano ai nostri esperti LIAF, una di certo è quella più frequente: “Il mio vicino di casa fuma in continuazione e il suo fumo arriva sempre dentro casa mia. Come faccio?”

Venerando Rapisarda, medico del lavoro ed esperto di ambiente e fumo

Beh, in realtà, non esistono norme che vietino al vicino di casa di fumare in casa propria, ne tantomeno di diminuire il numero di sigarette fumate. L’unica soluzione è valutare le situazioni caso per caso.

Oggi, grazie al supporto del dott. Venerando Rapisarda (medico del lavoro ed esperto di ambiente e fumo) vi proponiamo alcune soluzioni pratiche che in questi casi potrebbero essere applicate. Ecco quali sono:

  1. La prima in assoluto è quella più immediata e diretta: consigliate al vicino di casa di smettere, dategli supporto, consigli e suggerimenti, mostrando quali sono i reali danni ai quali va incontro continuando a fumare.
  2. Parlate con il vostro amministratore di condominio e valutate insieme a lui la possibilità di aumentare il flusso d’aria, anche esterna, in relazione alle caratteristiche dello stabile.
  3. Se il proprietario è un affittuario chiedete di inserire la clausola del divieto di fumo nel contratto d’affitto.
  4. Usate in casa sistemi di termo-condizionamento dotati di filtri che abbattono il particolato.
  5. Nei casi di gravi malattie e/o infezioni importanti valutate la possibilità di rivolgervi ad un giudice per farvi tutelare rispetto alla vostra precaria situazione di salute.

 

Inoltre, se riesci bene con il fai da te, ci sono alcuni strumenti che puoi applicare per evitare che il fumo entri in casa:

  1. Intanto individua il punto (o i punti) di ingresso del fumo passivo.
  2. Prova a capire in quale parte della casa fumano di più i tuoi vicini e (se possibile) cerca di proporre loro un compromesso. Ad esempio: “si fuma solo in cucina o in balcone”.
  3. Sigilla gli spazi vuoti degli isolamenti. Valuta di sigillare gli spazi intorno ai lampadari, ad esempio, oppure  intorno alle prese d’aria.
  4. Applica dei paraspifferi sotto le porte che si aprono nei corridoi o nelle zone comuni.
  5. Sigilla gli infissi delle finestre con del mastice o guarnizioni.
  6. Installa dei ventilatori a incasso alle finestre.

 

3,266FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi