18 C
Catania
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home News Ecigs: in Italia è boom di vendite

Ecigs: in Italia è boom di vendite

Il boom di vendite di ecigs ha fatto sì che l’Italia si classificasse al quinto posto tra i paesi che più utilizzano le sigarette elettroniche. Diversi, infatti, i trend positivi registrati nel nostro paese.

Le campagne sugli effetti nocivi del fumo si portano avanti ormai da molto tempo ma non si era mai assistito a una diminuzione di sigarette convenzionali, soprattutto in termini di consumo.

Ma qual è la motivazione di questo risultato? Sicuramente il merito è di tutti quei nuovi prodotti che erogano nicotina senza combustione e che risultano essere meno dannosi: le ecigs.

Lo scorso 11 settembre, anche il Libro Blu dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha confermato il trend positivo sul calo delle vendite di sigarette convenzionali, e per la prima volta il dato ha segnato la diminuzione delle vendite dovute proprio all’aumento dei consumatori di prodotti senza combustione.

Diversi anche gli studi che hanno dimostrato e confermato che la maggior parte degli utilizzatori di sigarette elettroniche sono quasi tutti ex fumatori, questo perché le sigarette elettroniche sono considerate un valido strumento nei percorsi di smoking cessation. Le ecigs sono utilizzate prevalentemente per smettere di fumare, per abbandonare del tutto la sigaretta convenzionale.

Che il boom di vendite di ecigs sia scoppiato per moda anche in Italia? Quello che sappiamo e che è ormai certo è che lo svapo sia più sicuro del fumo e la percentuale del 95% lo conferma.

Sono e continuano a essere molti gli esperti del settore e i centri antifumo che in Italia appoggiano le tecniche di smoking cessation, tra questi il CoEHAR di Catania che da anni mette a disposizione un team di accademici sempre pronto a rivoluzionare la scienza e l’innovazione. Le nuove linee guida dei centro antifumo rappresentano ogni giorno un passo fondamentale nella lotta contro il fumo e l’efficacia delle ecigs contribuisce a far salire i trend di vendita del nostro paese.

Il 63% degli italiani ha ridotto l’utilizzo di tabacco e sigarette tradizionali e ha affermato che grazie all’utilizzo delle ecigs è possibile smettere di fumare.

3,278FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Medici ed ecig: in quanti consigliano i dispositivi a rischio ridotto?

Il mondo della smoking cessation comprende soluzioni diverse, nate con il comune scopo di aiutare i fumatori ad uscire per sempre dalla...

DATI INCORAGGIANTI SULLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS A TROINA

Nell’indagine su base volontaria, sono stati coinvolti 1312 cittadini, distribuiti per sesso ed età e pari a circa il 14% del totale degli abitanti, mentre per l’Istituto Oasi 474 dipendenti pari a circa il 70% degli operatori attivi. Dai risultati è emerso che dei 1312 volontari, solo 26 (il 2%) sono venuti a contatto con il virus, mentre tra i dipendenti dell’Istituto Oasi sono state rilevate 71 positività su un totale di 474 operatori sanitari sottoposti al test (il 15%).

Australia: l’Università del Queensland presenta un piano radicale per eliminare il fumo

Gli studi condotti dall’Università del Queensland hanno affermato che la prevalenza di fumo in Australia è di poco inferiore al 15 per cento, ma è necessaria una tabella di marcia dettagliata per ridurre tale cifra a zero. Tra le proposte dello stato australiano, la più audace sembrerebbe quella proveniente dal Centre for Research Excellence on Achieving the Tobacco Endgame (CREATE) che suggerisce di ridurre il numero di rivenditori di tabacco e di limitare le vendite a particolari punti vendita come le farmacie.

University of East Anglia: ecig meglio di cerotti e gomme per smettere di fumare

Una ricerca recente aggiorna i dati della Cochrane Review del 2016, aumentando i numeri degli studi considerati che confermano l’efficacia delle ecig nei percorsi di smoking cessation