27.5 C
Catania
lunedì, Luglio 6, 2020
Home Comunicati stampa DIASMOKE clinical study: in Italy won the GRAND AWARDS

DIASMOKE clinical study: in Italy won the GRAND AWARDS

The University of Catania won the GRAND, the Award for International Research on Nicotine Dependence, with the project DIASMOKE.
The study will investigate the efficacy and safety of varenecline (Champix) for smoking cessation in patients with type II diabetes.
The trial DIASMOKE, designed by Prof. Riccardo Polosa, international expert in tobacco dependence, aims to investigate the effects of varenicline tartrate (Champix), substance which binds on nicotine receptors to reducing withdrawal symptoms, in diabetics patients who smoke.
The study, the first of its kind, will be launched on the occasion of No Tobacco Day, organized by WHO on May 31. It is expected to enroll 300 patients with type II diabetes who smoke at least 10 cigarettes a day and who are motivated to stop. All participants will be subjected to checks and laboratory tests to assess the success and safety of treatment that will last 12 weeks.
<<This research is a unique opportunity for all diabetic patients smokers – said Prof. RiccardoPolosa of Catania University – thanks to the results of this study, many people will reduce the symptoms related to cigarette smoke which aggravate the problems of diabetes>>.
Diabetes mellitus and cigarette smoking are known risk factors for developing cardiovascular disease and the aggravation of related disorders. However, the data available in literature on the benefits of smoking cessation in diabetic patients are not sufficient. There are also no detailed information on efficacy and safety of anti-smoking treatment for smokers with diabetes.
The project is also supported by LIAF-Onlus, the Italian No Smoke Association.
Press Office LIAF-Onlus
Dott.ssa Gabriella Papale
3,268FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi

Australia: perché svapare dovrebbe essere più semplice?

Secondo un interessante articolo pubblicato di recente sul quotidiano australiano The Sydney Morning Herald, il Ministro della Salute Greg Hunt avrebbe annunciato...

Estate: una buona stagione per smettere di fumare

In quest’ottica positiva si è propensi a prendere decisioni importanti, come quella di smettere di fumare. L’estate infatti è la stagione adatta perché si è più freschi, più caparbi, si adotta un regime alimentare più sano e si comincia a fare attività fisica, due fattori che si sposano perfettamente con la scelta di dire addio alle sigarette.