15.1 C
Catania
domenica, Aprile 5, 2020
Home L'esperto risponde COVID e fumo: non dimostrata la correlazione con forme gravi di malattia

COVID e fumo: non dimostrata la correlazione con forme gravi di malattia

Un articolo dell’European Journal of Internal Medicine sembra chiarire la confusione relativa alla correlazione tra tabagismo e COVID-19

Il professore Giuseppe Lippi, ordinario di Biochimica Clinica presso L’Università di Verona, ha raccolto tutti i dati disponibili dai casi COVID-19 disponibili e analizzato statisticamente eventuali correlazioni tra tabagismo e il rischio di contrarre il COVID-19.

Queste analisi – condotte su 1399 pazienti cinesi (288 con malattia grave) e pubblicate nell’articolo “Active smoking is not associated with severity of coronavirus disease 2019 (COVID-19)” – concludono che non esiste associazione significativa tra fumo e forme gravi di malattia da coronavirus.

Interpellato sull’argomento il Prof. Riccardo Polosa, Direttore del COEHAR, Centro di Ricerca per la Riduzione del Dano da Fumo, ha dichiarato:

“Difficile dire quale sia la verità in questo momento di confusione. Ma se è vero che i fumatori che contraggono una infezione da coronavirus sono più a rischio per forme di malattia grave, allora bisogna informarli e convincerli a smettere. E se non ci riescono, bisogna consigliare loro di passare ad alternative a rischio ridotto (come i prodotti da svapo o i sistemi a tabacco riscaldato). Considerando che i fumatori confinati in casa continueranno a fumare o addirittura lo faranno ancora di più per gestire le ansie, la depressione e la noia dovute all’emergenza coronavirus, passare dal tabagismo al vapagismo è l’unica opzione concreta”.

3,229FansLike
172FollowersFollow
541FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

Il Prof. Polosa fa chiarezza sul tempo di sopravvivenza del Coronavirus su pareti e superfici

Gli autori dell’articolo riportano che il virus possa rimanere vitale sulle superfici sino a un massimo di 3 giorni. Secondo Polosa, sono davvero troppi.

Smartphone e COVID-19: il limite tra privacy e necessità

Dalla Cina all'Europa, numerose sono le soluzioni proposte per monitorare e contrastare l'emergenza da COVID-19, utilizzando gli smartphone o i dispositivi indossabili. Ma esiste un limite?

Questionario COVID per fumatori e non, svapatori e non

Pochi minuti del vostro tempo saranno necessari per aiutare i ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo e del CoEHAR a trovare le...

Teenager e vaping: la moda e i social media

Essere teenager significa doversi rapportare con il gruppo, con la moda, con la necessità di sentirsi accettati. E che le relazione intercorre tra il vaping e i soggetti più giovani?