28.2 C
Catania
domenica, Luglio 5, 2020
Home News 40% di fumatori in meno, in Islanda è successo

40% di fumatori in meno, in Islanda è successo

“In Islanda politiche che hanno promosso l’uso e la diffusione della sigaretta elettronica hanno ridotto in modo marcato il numero di fumatori”. Questo quanto si legge in un articolo della rivista islandese “Grapevine”. 

Secondo quanto riportato dal giornalista , un medico islandese ha attribuito il merito di aver contribuito al drammatico declino dei fumatori in Islanda alla ampia diffusione del vaping, definendolo una grande benedizione per la salute degli islandesi.

Tra il 2014 e il 2017, infatti, si è registrata una riduzione di quasi il 40% nel numero dei fumatori. Impressionante. Nessuna politica di controllo del tabacco è mai riuscita a ottenere risultati simili. E questo straordinario calo del tabagismo sembrerebbe essere dovuto al corrispondente aumento del numero degli svapatori nella “terra del ghiaccio”. Attualmente – leggiamo – circa 20.000 islandesi svapano quotidianamente a fronte di una popolazione di poco più di 330.000 abitanti.

In Islanda, al momento attuale, non sono state chiaramente definite regole che normano la vendita e l’uso dei prodotti da svapo. Sebbene l’anno scorso una proposta di legge che stabiliva limiti per le concentrazioni di nicotina e per la dimensione delle bottigliette contenenti liquidi vaping è stata così fortemente osteggiata dai proprietari dei negozi di sigarette elettroniche che è miseramente naufragata.

“Questo è un chiaro esempio – ha commentato il prof. Riccardo Polosa – che quando le esistenti politiche di controllo del tabagismo si integrano con la promozione del vapagismo si possono raggiungere risultati veramente straordinari in termini di salute pubblica” che ha aggiunto “Auspico che le autorità responsabili della salute degli Italiani possano ispirarsi al modello Islandese e contribuire così a salvare così migliaia e migliaia di vite umane in Italia”

Valeria Nicolosihttp://www.ilblogchevale.it
Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.
3,268FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi

Estate: una buona stagione per smettere di fumare

In quest’ottica positiva si è propensi a prendere decisioni importanti, come quella di smettere di fumare. L’estate infatti è la stagione adatta perché si è più freschi, più caparbi, si adotta un regime alimentare più sano e si comincia a fare attività fisica, due fattori che si sposano perfettamente con la scelta di dire addio alle sigarette.

Fumatori, ex fumatori, non fumatori e svapatori durante il lockdown: un questionario del COEHAR ci racconta le loro abitudini

I risultati di un questionario condotto dai ricercatori del CoEHAR su quasi 2000 utenti residenti su tutto il territorio italiano hanno evidenziato una lieve diminuzione nel numero di sigarette fumate dagli italiani durante il lockdown e un aumento delle scorte di sigarette e di liquidi per e-cig da tenere in casa.