28.2 C
Catania
domenica, Luglio 5, 2020
Home Comunicati stampa Zero Rischi: lo studio di Polosa è tra le ricerche più lette...

Zero Rischi: lo studio di Polosa è tra le ricerche più lette al mondo

Health impact of E-cigarettes: a prospective 3.5-year study of regular daily users who have never smoked” è lo studio ormai noto come “Zero Rischi” e pubblicato sulla rivista scientifica internazionale  “Scientific Report” del gruppo Nature che proprio in questi giorni è stato segnalato tra i primi 100 studi più letti al mondo.

Solo nel 2017, infatti, Scientific Reports ha pubblicato più di 24 mila ricerche e tra queste quella condotta dal prof. Riccardo Polosa ha già registrato più di 20 mila lettori riuscendo ad attestarsi l’ambizioso riconoscimento di essere classificata tra i primi 100 studi più letti dell’ultimo anno. 

Ricordiamo che “Zero Rischi” – presentato a Londra nel Novembre scorso – ha dimostrato per la prima volta l’assenza di danni a carico delle vie aeree e dei polmoni in svapatori che hanno fatto uso regolare e protratto di sigarette elettroniche per un lungo periodo.

A margine della notizia del riconoscimento, Polosa ha commentato: “La curiosità per i nostri studi dimostra la crescente attenzione internazionale sullo svapo e sul tema della riduzione del danno da fumo di sigaretta convenzionale. Siamo fieri di questo riconoscimento e ci auguriamo che sia solo l’inizio di una nuova era in cui scienza e conoscenza possano viaggiare insieme per programmare anche regole pubbliche utili al raggiungimento dell’obiettivo salute”.

 

 

3,268FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi

Estate: una buona stagione per smettere di fumare

In quest’ottica positiva si è propensi a prendere decisioni importanti, come quella di smettere di fumare. L’estate infatti è la stagione adatta perché si è più freschi, più caparbi, si adotta un regime alimentare più sano e si comincia a fare attività fisica, due fattori che si sposano perfettamente con la scelta di dire addio alle sigarette.

Fumatori, ex fumatori, non fumatori e svapatori durante il lockdown: un questionario del COEHAR ci racconta le loro abitudini

I risultati di un questionario condotto dai ricercatori del CoEHAR su quasi 2000 utenti residenti su tutto il territorio italiano hanno evidenziato una lieve diminuzione nel numero di sigarette fumate dagli italiani durante il lockdown e un aumento delle scorte di sigarette e di liquidi per e-cig da tenere in casa.