11.4 C
Catania
lunedì, 30 Marzo, 2020
Home Comunicati stampa Veronesi, Tirelli e Polosa intervengono sulla lettera dei presidenti di Aiom e...

Veronesi, Tirelli e Polosa intervengono sulla lettera dei presidenti di Aiom e “Insieme contro il cancro” a Matteo Renzi: “Commento fuori luogo”

I Presidenti dell’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) e della Fondazione “Insieme Contro il Cancro”, Stefano Cascinu e Francesco Cognetti, hanno inviato di recente una lettera aperta al Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in seguito alla sua visita ai futuri stabilimenti della Philip Morris di Zola Predosa (BO). Gli oncologi hanno preso posizione accusandolo tra le righe di aver sottovalutato i gravi danni alla salute che il tabacco comporta tra tumori e malattie cardiovascolari.
La nuova fabbrica della Philip Morris in Italia, però, non produrrà sigarette convenzionali, ma un nuovo dispositivo a metà tra una sigaretta elettronica e una classica a base di tabacco. Si chiama Heat no Burn, assomiglia a una sigaretta convenzionale ma non si accende, non vi è combustione, piuttosto tabacco riscaldato, e gli studi condotti dalla PMI assicurano danni alla salute notevolmente ridotti. L’azienda ha comunque comunicato che attenderà che l’Autorità di controllo e i numerosi test ai quali saranno sottoposti questi prodotti diano una risposta certa sulla scarsa tossicità o innocuità del nuovo prodotto.
“Commento fuori luogo” ecco come il prof. Umberto Tirelli, Direttore del Dipartimento di Oncologia Medica dell’Istituto Tumori di Aviano, apostrofa la lettera degli oncologi dell’AIOM. “Non solo confondono la heat no burn con la sigaretta elettronica, ma tutte quelle parole spese sulle loro seppur notevoli attività in tema di sensibilizzazione antifumo, sembrano più un pretesto per farsi pubblicità che un vero appello al Presidente del Consiglio”.
“L’iniziativa della Philip Morris potrebbe segnare un punto di svolta nell’atteggiamento delle istituzioni verso l’intero settore dei prodotti a basso rischio per smettere di fumare, incluse le sigarette elettroniche – ha commentato il prof. Riccardo Polosa, professore di Medicina Interna all’Università di Catania. – “Da scienziato e medico, il mio compito non è fare dietrologia ma promuovere ricerca e salute. Ben vengano dunque le innovazioni, purché scientificamente valide”.
A proposito di sigarette elettroniche, recentemente gli esperti Umberto Veronesi e Carlo Cipolla dello IEO, insieme a Riccardo Polosa e a Umberto Tirelli, avevano sottolineato, in una lettera a Roberta Pacifici dell’Istituto Superiore di Sanità, che la guerra alle e-cig che è in atto nel nostro Paese nuoce solo ai fumatori. “Se per ipotesi tutti i fumatori di sigarette tradizionali passassero alla sigaretta elettronica si avrebbe a breve una riduzione drastica delle morti fumo correlate, che contano ben 2 milioni di persone all’anno nel mondo soltanto per il tumore del polmone, di cui 40 mila in Italia” ricorda Veronesi a margine di un intervento sulle sigarette elettroniche.
3,231FansLike
172FollowersFollow
542FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

APPELLO di LIAF e CoEHAR: Aiutateci ad aiutare i nostri medici

LIAF e CoEHAR, considerato lo stato di emergenza causato dal COVID-19, lanciano un appello per affrontare l’elevato numero di morti e la devastazione che la pandemia sta causando in tutto il mondo, ed in particolare in Italia. Scopri come donare.

Stress e fumo, come affrontare questi giorni in casa?

Per i fumatori, purtroppo, assistiamo ad un aumento della richiesta di prodotti da tabacco combustibili considerate forme di sollievo dallo stress. Smettere definitivamente ma se non si riesce da soli, almeno passate a prodotti a rischio ridotto.

Un anno nello spazio: ora vi spiego come superare l’isolamento

Per Scott Kelly vivere quasi un anno su una navicella spaziale non è stato facile. Stare e “vivere” nello spazio è un’attività che va avanti senza interruzione. Oggi, Scott, ha deciso di condividere con il mondo alcuni suggerimenti perché crede che possano tornare utili considerato che a causa del COVID-19 siamo bloccati all’interno delle nostre abitazioni.  

COVID e fumo: non dimostrata la correlazione con forme gravi di malattia

Oggi è nostro dovere aiutare quei fumatori che, costretti a stare a casa e affetti da stati di ansia maggiori, continuano a fumare o addirittura lo fanno di più. Spaventarli sull'aumento del rischio di contrarre il COVID non è reale ma dire loro che fumare li esporrà a rischi maggiori una volta contratto il virus, si.