27.9 C
Catania
mercoledì, Luglio 8, 2020
Home Iniziative Varsavia: apre le porte il primo Forum Mondiale sulla Nicotina

Varsavia: apre le porte il primo Forum Mondiale sulla Nicotina

Apre le porte oggi a Varsavia il primo Forum Mondiale sulla Nicotina, di cui LIAF è orgogliosamente partner. Il 27 e il 28 giugno 2014 dalle ore 9 e fino al pomeriggio inoltrato – presso il Warsaw Hotel Marriott – si terrà il Global Forum on Nicotine.
Esperti, studiosi, consumatori e operatori del settore accorsi da tutto il mondo si incontreranno per discutere dello stato dell’arte relativamente ai prodotti contenenti nicotina. Una interessante occasione per rilanciare il dibattito scientifico, politico e sociale circa l’uso di prodotti nicotinizzati a basso rischio espositivo.
Verranno esaminate criticamente le evidenze scientifiche sulla sicurezza e l’uso della nicotina favorendo anche l’istituzione di una tavola rotonda tra politici, scienziati, produttori, distributori e consumatori, e lo sviluppo di reti tra i diversi settori.
Tra i nomi illustri anche quello del responsabile scientifico di LIAF, il Prof. Riccardo Polosa che, con una relazione dal titolo: “Harmful and potentially harmful constituents in E-cigarettes and nicotine liquids”, illustrerà il possibile rischio per la salute dei consumatori che fanno uso di liquidi per vaporizzatori personali.
Un appuntamento fondamentale per il dibattito pubblico internazionale sulle nuove frontiere della nicotina.
Quali sono i metodi giusti per combattere il fumo e quali le politiche pubbliche che i singoli stati dovrebbero adottare per affrontare in maniera concreta e lungimirante la lotta al tabagismo? Questi i temi cardine del forum.
Per LIAF, il Forum rappresenta l’occasione ideale per presentare i risultati della vivace attività di ricerca scientifica sostenuta in questi ultimi 3 anni, ma anche un’opportunità di dialogo con gli operatori del settore per chiarire le esigenze e le priorità da assegnare alla ricerca su questi prodotti.
Impegnata da anni nella lotta al tabagismo, la Lega Italiana Anti Fumo è ormai punto di riferimento per milioni di fumatori e di svapatori, e per migliaia di ricercatori che cercano di comprendere come questi nuovi strumenti possano rappresentare una soluzione per liberare milioni di tabagisti nel mondo dalla schiavitù della sigaretta.
Di seguito i nomi dei circa 30 relatori confermati:
• Prof Riccardo Polosa , University of Catania, Italy
• Dr Konstantinos Farsalinos , Onassis Cardiac Surgery Center, Athens, Greece
• Dr Maciej Goniewicz , Roswell Park Cancer Institute, Buffalo, USA
• Prof Andrzej Sobczak , Institute of Occupational Medicine and Environmental Health, Sosnowiec, Poland
• Dr Lynne Dawkins , School of Psychology, University of East London, United Kingdom
• Prof Gerry Stimson , London School of Hygiene and Tropical Medicine, and Imperial College London, United Kingdom
• Prof Peter Hajek , Queen Mary University, London, United Kingdom
• Prof Karl Lund , Norwegian Institute for Alcohol and Drug Research (SIRUS), Norway
• Hazel Mabe , Interessengemeinschaft E-Dampfen and European United Vapers Network, Germany
• Robert Mrówczyński , SUEP (Polish Vapers Association), Poland
• Cynthia Cabrera , SFATA (Smokefree Alternatives Trade Association), USA
• Dr Mirosław Dworniczak , Scientific Journalist and Consultant, Poland
• Dr Delon Human , Health Diplomats, Switzerland
• Leon Kośmider , Institute of Occupational Medicine and Environmental Health, Sosnowiec, Poland
• Lou Ritter , American E-Liquid Manufacturing Standards Association, USA
• Dr Jacques le Houezec , France
• Dr Karl Fagerström , Smokers Information Center, Sweden
• Clive Bates , Counterfactual Consulting, United Kingdom
• Charles Hamshaw-Thomas , E-Lites, United Kingdom
• Rebecca Taylor MEP, United Kingdom
• Lars Ramström, Institute for Tobacco Studies, Sweden
• Prof Linda Bauld, University of Stirling and UK Centre for Tobacco and Alcohol Studies, UK
• Deborah Arnott, ASH UK (representing the Framework Convention Alliance)
• Atakan B. Tekin, THR Activist, Turkey
• Tim Phillips, ECigIntelligence, United Kingdom
• Peter Beckett, Public Policy Consultant; Head of Public Policy at ECITA, UK
• Joe Gitchell, Pinney Associates, USA
• Arnaud Dumas de Rauly, French Vapor Trade Association, France
Per maggiori informazioni visita il sito GFN Warsaw 2014
3,267FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi