27.5 C
Catania
lunedì, Luglio 6, 2020
Home Scienza U-BIOPRED: Le riflessioni su ERS 2014 di Amanda Roberts

U-BIOPRED: Le riflessioni su ERS 2014 di Amanda Roberts

Per cinque anni il Congresso ERS è stato un evento di cui avevo sentito parlare ma a cui non avevo partecipato.
Cinque anni fa ho avuto la fortuna di essere scelta per rappresentare le opinioni dei pazienti per un progetto di ricerca, vasto e complesso, finanziato con l’obiettivo di migliorare alcuni tipi di asma, chiamato U-BIOPRED.
Dal punto di vista dei pazienti ERS è uno dei pochi momento per un incontro faccia a faccia. Sicuramente è importante avere incontri su U-BIOPRED a questo congresso anche perché è probabile che molti dei centri coinvolti avranno dei rappresentanti presenti.
Quest’anno, per gentile concessione della European Lung Foundation (ELF), noi pazienti abbiamo avuto la possibilità di andare a Monaco per partecipare al meeting di U BIOPRED che si terrà nell’ambito di ERS 2014.
Per me è stata anche una grande opportunità per prendere parte alle riunioni per un altro progetto sull’asma finanziato dall’Unione Europea chiamato EARIP.
Il Congresso ERS è un evento enorme e ci vuole tempo per trovare gli eventi collaterali. Quasi 22.000 delegati hanno partecipato e, anche se complesso e policentrico, UBIOPRED e EARIP erano davvero piccole parti di ciò che stava accadendo.
Al congresso c’era un enorme numero di manifesti che davano informazioni su tutte le ricerche in corso nel mondo delle patologie respiratorie. Così tanti che sarebbe stato impossibile trovare informazioni significative senza l’innovativo sistema di e-poster.
I punti salienti della conferenza per me sono stati la cerimonia di apertura; l’intervento di David Morbido, presidente della U-BIOPRED PIP che ha parlato come parte del progetto “Fenotipizzazione dell’asma: progetti di collaborazione in Europa (U-BIOPRED)”; e l’incontro con altri rappresentanti PIP ed esperti di U-BIOPRED.

 

3,268FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi

Australia: perché svapare dovrebbe essere più semplice?

Secondo un interessante articolo pubblicato di recente sul quotidiano australiano The Sydney Morning Herald, il Ministro della Salute Greg Hunt avrebbe annunciato...

Estate: una buona stagione per smettere di fumare

In quest’ottica positiva si è propensi a prendere decisioni importanti, come quella di smettere di fumare. L’estate infatti è la stagione adatta perché si è più freschi, più caparbi, si adotta un regime alimentare più sano e si comincia a fare attività fisica, due fattori che si sposano perfettamente con la scelta di dire addio alle sigarette.